mercoledì 26 ottobre 2016

0 DOCTOR STRANGE: SUPER E' BELLO, MISTICO E' MEGLIO [RECENSIONE]



Se c'è una cosa che le serie tv medical ci hanno insegnato nel corso degli anni è che un chirurgo vive del proprio lavoro, vi si riconosce totalmente e senza di esso rischia di perdere addirittura la propria identità come persona, tanto vi è votato e ne è dipendente. Parte proprio da questi presupposti il Signor... ops Dottor Stephen Strange, il nuovo personaggio dei fumetti Marvel Comics approdato al cinema col volto di Benedict Cumberbatch.

Doctor Strange di Scott Derrickson è un film che, per la prima volta dopo molto tempo nel Marvel Cinematic Universe, delude in parte le aspettative poiché, se l'aspetto visivo risulta assolutamente fantastico e innovativo, sul fronte narrativo la storia fila liscia come l'olio... fin troppo.

La recensione prosegue dopo il "Continua a leggere..."


Strange è un neurochirurgo che dopo un incidente cerca di ritrovare se stesso e soprattutto l'uso delle proprie mani, fonte del suo sostentamento e pure della sua gloria (e della sua boria). Allontana tutti, perfino la fidanzata fin troppo comprensiva - e collega in ospedale - Christine (Rachel McAdams). Successivamente si reca in Nepal in un posto misterioso consigliatogli da un ex paziente (Benjamin Bratt) misteriosamente guarito da una paralisi quasi completa. Qui incontra il Maestro Mordo (Chiwetel Ejiofor), uno zelante e rispettoso allievo, l'impassibile bibliotecario Wong (Benedict Wong) e l'Antico (Tilda Swinton), lo Stregone Supremo che insegna i segreti e i misteri delle Arti Mistiche orientali. A minacciare il lavoro degli Stregoni è un ex Maestro passato al Lato Oscuro, Kaecilius (Mads Mikkelsen).

Il percorso del protagonista è tra i più canonici e lineari nella presentazione di un supereroe, soprattutto nel mondo Marvel. Egocentrico e fedele interamente alle scienze all'inizio, dovrà imparare non solo che esiste un potere più grande ma ad essere altruista, anzi ancor di più ad aiutare l'umanità intera. Con qualche sacrificio lungo la strada, ovviamente. Se si ripensa alla presentazione dissacrante di Ant-Man oppure all'epicità auto-ironica dei Guardiani della Galassia, si resta un po' a bocca asciutta con la origin story del Doctor Strange, per quanto il personaggio abbia un'aura di severità e mistero insita rispetto agli altri personaggi Marvel sopra citati. Non mancano comunque i momenti comici in puro Marvel style, anche se risultano un po' forzati a volte.



Pregio assoluto della pellicola è invece l'aspetto tecnico e visivo: la Marvel ancora una volta ha reinventato e superato se stessa, sfruttando appieno l'incontro fra superpoteri e soprannaturale che aveva fatto la fortuna del fumetto. I giochi e le illusioni ottiche nelle sequenze mistiche e di combattimento sono già da antologia (come quella dimensione specchio in città) catturando appieno l'occhio e la mente dello spettatore e frullandolo in un trip metafisico da cui non potrà staccarsi, con un 3D che vale finalmente il prezzo del biglietto.

Altro aspetto curioso è l'aver scelto di presentare il villain di turno già divenuto tale e di cui viene solamente raccontato il come lo sia divenuto, senza flashback o altre tecniche narrative, dopo le frequenti critiche al poco spazio o al poco appeal riservato solitamente al percorso dei nemici nei film della Casa delle Idee; le poche sequenze in cui appare Kaecilius ce lo presentano però mentre fa e dice sempre le stesse cose, quasi in un loop temporale, senza approfondire il personaggio. Da lodare il casting fatto per la pellicola, dal carismatico e conosciuto Sherlock-Cumberbatch (con tanto di citazione al ruolo per il quale è più famoso) fino all'Antico di Tilda Swinton, criticatissimo in rete per la scelta di un'attrice donna per il ruolo di un personaggio maschile sulla carta eppure dall'aura perfettamente algida e onnisciente.

Mi raccomando, restate fino all'ultimo in sala, poiché le due sequenze post-crediti apriranno nuove porte su altri universi fumettistici, creando collegamenti che vi faranno chiedere: "Quand'e che arriva il prossimo film Marvel?".

Doctor Strange è nelle sale italiane dal 26 Ottobre 2016.



- Federico Vascotto

commenti

0 Risposte a "DOCTOR STRANGE: SUPER E' BELLO, MISTICO E' MEGLIO [RECENSIONE]"

Dicci cosa ne pensi

Il tuo commento è importante, grazie!

Cerca nel blog

FIERE OTTOBRE 2016

- 1/2 > Romics - Nuova Fiera di Roma, quartiere fieristico situato sulla Via Portuense. Ore 10 - 20. Info: www.fieraroma.it | www.romics.it


- 2 > La Via del Fumetto & Disco - Via Emilia, 15057 Tortona (AL). INGRESSO GRATUITO. Info: http://www.lafieradelfumetto.com/


- 8/9 > ALEComics - Cittadella di Alessandria, Caserma Montesanto (AL). INGRESSO GRATUITO. Info: www.alecomics.it


- 8/9 > San Donà Fumetto - Padiglione Fieristico "Area Ex Papa", Via Pralungo 9, 30027 San Donà di Piave (VE). Ore 10.00 - 19.00. Info: www.sandonafumetto.it


- 28/29/30/31 [Qui trovate Comic-Soon] > Lucca Comics & Games - Città di Lucca. Info: www.luccacomicsandgames.com



Scopri tutte le altre fiere in Italia

Pierz [per la tua pubblicità - Redazione Comic Soon]

Post più popolari

© Solone Srls 2014. Powered by Blogger.