martedì 23 febbraio 2016

1 LUPIN III: STORIA E MITO DEL LADRO GENTILUOMO [RECENSIONE]


Di recente uscita, il volume Lupin III: Storia e mito del ladro gentiluomo può senz'altro segnalarsi quale prima opera editoriale in lingua italiana dedicata al personaggio di Lupin III. Il libro è senz'altro promosso, ancorché nella mera sostanza, giusta presenza di alcune riserve, trattate nel dettaglio di seguito.

Andiamo per gradi: Carlo Mirra e Giorgio Giuliani, i due autori, sono entrambi giornalisti professionisti e, sempre in coppia, hanno firmato il volume dedicato a Go Nagai, "Il padre dei super robot", edito sempre da Ultra lo scorso anno (e del quale a breve ci occuperemo). Il testo del volume qui recensito appare certamente ben strutturato e ricco di informazioni: con matura capacità di espressione scritta, i due autori descrivono compiutamente il personaggio, partendo dai doverosi cenni biografici dell'autore, Monkey Punch, e giungendo all'esame dettagliato delle singole serie di cartoni animati. Al riguardo, ogni stagione viene analizzata in termini descrittivi (numero degli episodi, tratti somatici dei personaggi, loro abiti e usanze, ecc), con brevissimi cenni dedicati ai singoli episodi, trattati giocoforza a volo d'uccello.

La recensione prosegue dopo il "Continua a leggere..."

A seguire, viene proposto uno scorcio sui singoli personaggi, ai quali vengono dedicati paragrafi specifici nei quali sono affrontati i loro singoli profili caratteriali e psicologici: oltre al protagonista della serie, sono ovviamente proposti i suoi tre compari Jigen, Gaemon, Fujiko e il suo immancabile antagonista Zenigata.

Gli autori, inoltre, destinano specifici capitoli, brevi ma interessanti, alle colonne sonore dei cartoni animati nonché alla ricca memorabilia che ruota attorno al personaggio.

Tuttavia, il vero e proprio passo falso dell'opera, è costituito dalla filmografia, limitata purtroppo a 12 pagine, una vera miseria se si pensa che i telefilm sono stati omaggiati di quasi 80 pagine ridotte a 55, numero comunque considerevole, per la trattazione dei singoli individui (in termini un tantino ripetitivi, peraltro, considerando che, tutto sommato, i cinque protagonisti erano stati largamente descritti nei paragrafi precedenti).

A modesto avviso di chi scrive, i film avrebbero meritato maggiore considerazione, non soltanto da un punto di vista concettuale ma anche in misura meramente descrittiva: trattati anch'essi a volo d'uccello, stavolta ingiustificatamente, totalmente privi di singole schede, si leggono troppo velocemente, riportati, come sono, senza alcuna soluzione di continuità.

Gli ultimi due capitoli, infine, appaiono superflui: il primo è dedicato a Maurice Leblanc, definito "il papà del Lupin letterario", del tutto ininfluente se si pensa che l'autore francese e la sua storica creatura letteraria vengono omaggiati, con rimandi anche puntuali, in altre parti del volume. Quello intitolato "I mille volti di Lupin" non è da meno: dedicato alle diverse identità assunte dal primo Lupin, sembra voler far dimenticare al lettore che il Lupin francese non è neanche un comprimario nelle storie del suo nipote giapponese. In altre parole, i due autori ignorano con dolo che la trattazione del primo è oltremodo tangente rispetto a quella del secondo. Consola il fatto che l'elenco sia limitato ad una manciata di pagine.

A livello di immagini, il volume è ricchissimo: non c'è una sola pagina priva di riproduzioni riportanti il nostro o i suoi amici/nemici. Tuttavia, altra nota dolente, tutte le raffigurazioni sono proposte in maniera disorganica, senza un apparente ordine, non sempre in termini di buona qualità grafica, in assenza totale di didascalia. Non è finita: sono quasi del tutto assenti immagini del primissimo Lupin III, quello nato come manga nel 1967. Un'altra mancanza, quest'ultima, stavolta imperdonabile, se si valuta che il fumetto differiva sensibilmente dalle connotazioni che caratterizzavano le serie televisive, sia da un punto di vista estetico, sia squisitamente concettuale.

Orbene, così tratteggiato il volume sembra impietosamente sacrificabile. Ed invece no: si tratta di un discreto compendio di stampo compilativo che conserva una sua validità intrinseca, non soltanto potenzialmente idonea alla spolveratura dei ricordi adolescenziali del lettore tipo, ma protesa anche alla concreta descrizione di un pezzo di storia in termini comunque sempre ragionati. Per questo motivo, ci sembra doveroso discostarci dalle critiche spesso gratuite rivolte al volume dallo sconosciuto che firma questa recensione. L'autore di questo articolo sembra credibile e attendibile, almeno fino a quando non confessa indirettamente la sua ignoranza sul personaggio, limitata alla sola prima serie televisiva ("Io conosco solo la prima serie, quella con la giacca verde, ergo se nelle parti inerenti la seconda e la terza serie ci sono degli strafalcioni non mi è stato possibile notarlo"), cosa che lo catapulta senza dubbio tra coloro che passano tout court dalla parte del torto. Senza contare che la recensione appare talvolta sgrammaticata (ad esempio: si scrive "inerente al" e non "inerente il").

L'unica sua opinione condivisibile - giungiamo così, all'ultima critica indirizzata all'opera editoriale - si riferisce alla totale assenza di note biografiche, anche minime: una leggerezza imperdonabile quando si cita un'intervista o un commento attinto da altre fonti.

LUPIN III: STORIA E MITO DEL LADRO GENTILUOMO
Editore: Ultra
Provenienza: Italia
Autori: Carlo Mirra, Giorgio Giuliani
Collana: Shibuya
Formato: 25×17, B, 219 pp, col.
Prezzo: 22 euro
Data di uscita: 19 novembre 2015

- Gianluca Livi

commenti

1 Risposte a "LUPIN III: STORIA E MITO DEL LADRO GENTILUOMO [RECENSIONE]"
Anonimo ha detto...
15 marzo 2016 17:21

Buonasera :]
Intanto mi scuso per gli errori grammaticali e di sintassi delle mie recensioni, purtroppo sono conscio dei miei limiti culturali.
Una piccola giustificazione può essere che spesso scrivo dopo un turno di lavoro (mattutino, serale o peggio notturno) abbastanza pesante, e non noto gli errori anche dopo una rielttura dello scritto.
Ma è una giustificazione che comprendo non tutti capiscano.
Non ho capito, invece, perchè se la prende con me T_T
Mica li ho scritti io questi libri della collana Ultra Shibuya :]
Perchè mi catapulta "senza dubbio tra coloro che passano tout court dalla parte del torto"?
Ho ammesso di conoscere solo la prima serie, sono stato sincero, ma il resto delle miei critiche di un libro che ho pagato mi sembrano reali.
Comunque grazie dell'attenzione ad una mia recensione.
Saluti
Stengo del blog Imago Recensio ^_^


Dicci cosa ne pensi

Il tuo commento è importante, grazie!

Cerca nel blog

FIERE OTTOBRE 2016

- 1/2 > Romics - Nuova Fiera di Roma, quartiere fieristico situato sulla Via Portuense. Ore 10 - 20. Info: www.fieraroma.it | www.romics.it


- 2 > La Via del Fumetto & Disco - Via Emilia, 15057 Tortona (AL). INGRESSO GRATUITO. Info: http://www.lafieradelfumetto.com/


- 8/9 > ALEComics - Cittadella di Alessandria, Caserma Montesanto (AL). INGRESSO GRATUITO. Info: www.alecomics.it


- 8/9 > San Donà Fumetto - Padiglione Fieristico "Area Ex Papa", Via Pralungo 9, 30027 San Donà di Piave (VE). Ore 10.00 - 19.00. Info: www.sandonafumetto.it


- 28/29/30/31 [Qui trovate Comic-Soon] > Lucca Comics & Games - Città di Lucca. Info: www.luccacomicsandgames.com



Scopri tutte le altre fiere in Italia

Pierz [per la tua pubblicità - Redazione Comic Soon]

Post più popolari

© Solone Srls 2014. Powered by Blogger.