martedì 27 ottobre 2015

0 INTERVISTA ESCLUSIVA A PAOLO ELEUTERI SERPIERI, TRA LA SUA DRUUNA E IL SUO TEX


Veneziano di nascita, romano di adozione, Paolo Eleuteri Serpieri esordisce nel mondo del fumetto a metà degli Anni '70 sulle pagine del settimanale Lanciostory, dedicandosi quasi esclusivamente al West, sua grande passione. Alternando l'attività di pittore e di professore a quella di fumettista, illustra per l'editore francese Larousse, insieme ad altri artisti, Historie du Far Westmentre nei primi Anni '80 lavora per il progetto La Bibbia a fumetti.

Chiamato dall'editore di Orient Express, crea la storia "Forse..." che pone le basi per il suo personaggio più conosciuto, Druuna. donna dal corpo bellissimo che vive in un epoca di là da venire in cui l'umanità viene rappresentata in termini decadenti. Una sua personalissima e apprezzatissima visione di Tex, recentemente apparsa in edicola (qui la nostra recensione) ci offre l'opportunità di fare quattro chiacchiere con questo grande protagonista del fumetto italiano, non solo sul personaggio bonelliano ma anche sulla sua produzione artistica.

Leggete l'intervista dopo il "Continua a leggere..."

Paolo Eleuteri Serpieri a Torino Comics
Quanto Sergio Bonelli conobbe dell'opera Tex, L'eroe e la leggenda prima della sua morte?
Con Sergio se ne parlò qualche tempo prima della sua scomparsa. Fui coinvolto per il c.d. Texone alla cui realizzazione mi mostrai fortemente interessato. Tuttavia, dettai condizioni precise che lo lasciarono molto perplesso. Mi sembrò non essere molto dell'avviso e la cosa fu momentaneamente messa da parte. Quando scomparve, pensai che non se ne sarebbe fatto nulla ma la casa editrice riprese i contatti e il progetto si è poi concretizzato nel volume poi pubblicato recentemente.

Quanto l'ha tenuta occupata questo lavoro?
Per la stesura sono occorsi un paio di mesi, mentre per i disegni ho impiegato circa 7-8 mesi, sebbene fossi all'epoca impegnato in altri lavori. La Bonelli, comunque, non mi ha messo alcuna fretta.

Il formato di quest'opera è del tutto particolare, sia per gli standard bonelliani, sia per quelli da edicola (in Italia).
Fin da subito apparve chiaro che non ero propenso a disegnare un Texone per cui si optò per una storia breve. Nel tempo, però, i disegni, la trama, le evoluzioni narrative hanno dilatato la storia a 40 pagine, cosa che ha indotto l'editore ad inaugurare una nuova serie, dal titolo Tex d'autore. Di fatto, con questo albo, la Bonelli è tornata ad un formato, il cartonato, che dai primi Anni '80 (con la sere Un uomo, un'avventura), non aveva più pubblicato.

L'albo è andato presto esaurito.
Si. La Bonelli ha distribuito nelle edicole 120.000 copie che sono terminate abbastanza velocemente.

Lei è appassionato di western e fantascienza. Mi incuriosisce sapere cosa ne pensa di personaggi come Magico Vento, Hammer e Nathan Never.
Io sono un grande appassionato di West e non di fantascienza, quantomeno non nel senso tradizionale del termine. Non amo le saghe fantascientifiche tipo Star Trek o Star Wars, per intenderci, ma guardo al futuro apocalittico o post-nucleare. In tal senso, Druuna può essere definito più un fantasy dai toni surreali di stampo futurista, non certo un fumetto fantascientifico. Ed infatti, più che alla fantascienza, sono interessato al contrasto esistente tra un mondo degradato, putrefatto, decadente e il corpo perfetto di una giovane e bellissima donna. Io non ipotizzo un futuro ove esiste una progressione tecnologica ma un'epoca ove la tecnologia schiaccia l'uomo invece di essere al suo servizio. In tal senso, sono più vicino alla fantascienza di stampo decadente, come quella di Blade Runner, Alien o quella descritta dal grande George Orwell. Tornando alla sua domanda, Magico Vento l'ho trovato interessante nei disegni sebbene non abbia approfondito i temi alla base di ogni storia. Hammer e Nathan Never li conosco veramente poco giacché, come detto, descrivono una fantascienza alla quale non sono affatto interessato.

Dopo Tex, si misurerebbe disegnando altri personaggi storici del fumetto italiano? Ad esempio un Martin Mystère o un Mister No?
No, decisamente no. Io faccio un lavoro completamente diverso. Non potrei mai pensare di scrivere una storia per una altro disegnatore e, viceversa, non potrei mai disegnare una storia scritta da altri. Con questi personaggi, il rischio è questo. E poi, le mie storie sono spesso modificate in corso di realizzazione. Molte scene dei miei episodi sono nate a braccio, scritte nel momento in cui le disegnavo: in tal senso, immagino una serie di situazioni che successivamente collego tra loro. Certo, scrivo un canovaccio, un finale ma poi può succedere che lo cambi. Ed infatti, mi capita sovente di scartare pagine e tavole già finite, perché non convincenti. Quindi non potrei mai cimentarmi con i personaggi Bonelli, tutti ancorati ad una sceneggiatura piuttosto rigida. Dovrei farlo alle mie condizioni, come ho fatto con Tex, e non credo che questo riesca bene per altri personaggi.

Parlando di film western, lei ha dichiarato che John Ford è stato un grande del cinema anche se poco attento all'iconografia dei nativi americani (ad esempio i Dakota nella Monument Valley) mentre Sergio Leone, pur donando una linea diversa al western, ha creato dei personaggi irreali (si pensi al pistolero velocissimo), preferendo a questi due standard, film più di frontiera come Balla coi lupi.
Confermo. Apprezzo anche la compagine descritta in Corvo Rosso non avrai il mio scalpo. Sergio Leone è stato un grande regista, molto coraggioso, ma il suo cinema era destinato a fare spettacolo. A John Ford sono maggiormente legato per motivi anagrafici ma anche lui aveva i suoi difetti. Ecco, parlando di film senza indiani, credo che Gli Spietati di Clint Eastwood sia perfetto: un western reale, che parla di pistoleri senza eccedere in sensazionalismi.

Tuttavia, il Suo Tex sembra vicinissimo a quello descritto da Sergio Leone.
Solo perché l'ho inserito in un contesto abbastanza duro? Non credo. Certo, il mio Tex, collocato in un periodo storico meno conosciuto, ha un modo di fare molto determinato, ispirato alla vendetta, ma credo che sia molto diverso dallo standard pitturato da Sergio Leone. Era un grande regista, un visionario, ma quei silenzi, quelle scene lunghe, quelle storie piene di messicani erano poco realistiche. Quando finisce un film di Leone non si sente la nostalgia che pervade lo spettatore alla fine di un film di Ford ma, anzi, si pensa: "Meno male che è finito!". Questa, in sintesi, la differenza tra i due registi.

Parlando di frontiera, le piacerebbe cimentarsi con Ken Parker?
Ken Parker è molto vicino al mio concetto di frontiera. Berardi, inoltre, è un bravissimo sceneggiatore. Tuttavia, non credo che gradirebbe una rivisitazione del suo personaggio, così radicale come l'ho fatta per Tex.

Druuna è caratterizzato da contenuti di sesso molto realistici. I primi 4 volumi sono assai espliciti mentre ne Il pianeta dimenticato la serie propone rappresentazioni dell'eros non evidenti.
Non credo che i primi 2-3 libri fossero così hard, mentre il quarto, Mandragora è stato senz'altro più ardito. Debbo dire che è venuto abbastanza spontaneo prendere quella direzione e nessuno mi ha fatto pressione. Mi sono divertito. Diciamo che era un periodo birichino della mia vita [Ride, Ndr]. Il pianeta dimenticato era già un'altra storia dove sarebbe stato più difficile inserire scene erotiche e questo vale anche per Clone. Tuttavia, quest'ultimo capitolo è uscito in due edizioni: l'editore dell'epoca, infatti, volle delle scene più esplicite quindi alla fine si optò per una edizione parallela dai toni hard, uscita in bianco e nero, con scene di sesso molto chiare.

Druuna può essere considerato un'evoluzione artisticamente più pregiata del fumetto erotico italiano degli Anni ’70 e dei primi Anni ’80?
No, assolutamente no. Io ho guardato molto al fumetto spagnolo e argentino. A me interessava la parte reale, fatta di luci e ombre. Io volevo raccontare una storia dove anche l'ombra facesse parte della storia, come al cinema: in un film si vedono le ombre, come nella vita reale, e Druuna è anche questo.

Che differenza passa tra la donna di Serpieri, quella di Crepax e quella di Manara?
La donna di Manara è molto spontanea: Milo disegna donne meravigliose ma troppo irreali, con quelle gambe così lunghe. Lui presenta un'immagine idealizzata di una donna che forse non esiste o, se esiste, si trova soltanto nel mondo della moda, sulle passerelle, tra le indossatrici. La donna di Crepax è molto idealizzata, un'intellettuale certamente. Questo era molto evidente anche nel suo tratto stilistico. La mia è una donna carnale, con un fondoschiena che io ho sublimato, non certo idealizzato. Qualcuno ha detto che i fondoschiena che io ho disegnato per Druuna non esistono in natura. Esistono, invece, e io ho avuto modo di fotografarne uno, di una modella che è voluta restare anonima, pubblicato sul libro Foemina [edito da Lo Scarabeo. Ndr].

È vero che si è ispirato a Monica Bellucci per la creazione di Druuna?
No. La Bellucci è una donna stupenda ma il mio modello, fu Valerie Kaprisky (attrice francese attiva nel mondo del cinema fin dal 1981). Tuttavia, nel tempo, ci sono state molte altre donne che ho assurto a modello.

Se oggi dovesse creare ex novo la sua Druuna, a quale donna si ispirerebbe?
Nel tempo mi hanno proposto di fare dei film su Druuna facendo il nome di attrici anche decisamente improbabili. Nella rosa delle "candidate", tuttavia, una era ricorrente: Jennifer Lopez c'era sempre. Ecco, forse, fisicamente la Lopez potrebbe essere un'ispirazione ma certamente non quella attuale, direi quella di 15 anni fa. La mia Druuna, infatti è una donna che ha al massimo 28 anni. A livello mentale, invece, sceglierei una delle protagoniste del film La vita di Adele [film del 2013 diretto da Abdellatif Kechiche, curiosamente ispirato al romanzo a fumetti Il blu è un colore caldo di Julie Maroh e che si è aggiudicato la Palma d'oro al Festival di Cannes 2013, Ndr], straordinario lungometraggio che narra l'amore omosessuale tra due donne. Il tema del film è molto importante, tuttavia, ciò che colpisce dell'opera, è questa tenerezza intrinseca di una delle due donne, che ho visto molto presente anche in Druuna. In loro due c'è certamente una forma di candore, accompagnata da una componente di malizia che tutte le donne posseggono. Questa tematica è spiegata in Ecofeminist Themes in Serpieri's Morbus Gravis di Matthew Jones, un professore universitario della Florida che inquadra perfettamente il personaggio di Druuna dal punto di vista psicologico. Ecco, posso senz'altro dire che ciò che io ho descritto con le immagini, lui l'ha fatto a parole.

Quest'intervista la trovate anche (in versione breve) sul Comic-Soon #28 sia online che cartaceo al Lucca Comics and Games 2015.

- Gianluca Livi

commenti

0 Risposte a "INTERVISTA ESCLUSIVA A PAOLO ELEUTERI SERPIERI, TRA LA SUA DRUUNA E IL SUO TEX"

Dicci cosa ne pensi

Il tuo commento è importante, grazie!

Cerca nel blog

FIERE OTTOBRE 2016

- 1/2 > Romics - Nuova Fiera di Roma, quartiere fieristico situato sulla Via Portuense. Ore 10 - 20. Info: www.fieraroma.it | www.romics.it


- 2 > La Via del Fumetto & Disco - Via Emilia, 15057 Tortona (AL). INGRESSO GRATUITO. Info: http://www.lafieradelfumetto.com/


- 8/9 > ALEComics - Cittadella di Alessandria, Caserma Montesanto (AL). INGRESSO GRATUITO. Info: www.alecomics.it


- 8/9 > San Donà Fumetto - Padiglione Fieristico "Area Ex Papa", Via Pralungo 9, 30027 San Donà di Piave (VE). Ore 10.00 - 19.00. Info: www.sandonafumetto.it


- 28/29/30/31 [Qui trovate Comic-Soon] > Lucca Comics & Games - Città di Lucca. Info: www.luccacomicsandgames.com



Scopri tutte le altre fiere in Italia

Pierz [per la tua pubblicità - Redazione Comic Soon]

Post più popolari

© Solone Srls 2014. Powered by Blogger.