domenica 21 settembre 2014

0 SIN CITY 3D, UNA DONNA PER CUI UCCIDERE - RECENSIONE DEL FILM IN ANTEPRIMA - JOURNALIST STYLE

SIN CITY 3D, UNA DONNA PER CUI UCCIDERE- RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Journalist STYLE
Il nostro baldo redattore ospite all'anteprima cinematografica di Sin City 3D, una donna per cui uccidere, non solo ha fatto la diretta live twitter ma probabilmente a causa dalla visione del film e di Frank Miller, ospite in sala, tanto da scrivere due recensioni. Una "Frank Miller Style" e l'altra "Journalist style". 

Vi presentiamo ora quella Journalist Style, scritta come il manuale del bravo giornalista prevede. Prima avete già letto la Frank Miller Syle. Quale preferite?

Diamoci la verità: nove anni sono dannatamente troppi.
Non si può restare così a lungo lontani da BaSin City. Perché sarà pure la città peggiore del mondo… ma una volta che ci sei stato, non puoi più farne a meno.
Ti entra nelle viscere, ti scuote l’anima, ti calpesta come un gigante, ti sputa in faccia una realtà che non vorresti vedere, ma che è lì. Accanto a te.
Nella città vecchia, in cui tutto può accadere.
Persino che un genio come Frank Miller si faccia un goccetto insieme a un visionario come Robert Rodriguez. Magari al Kadiès Bar…

Dopo il "Continua a leggere..." il resto della recensione di Sin City 3D, una donna per cui uccidere,


Quando nel 2005 uscì al cinema il primo capitolo di Sin City, fu subito evidente che ci trovavamo di fronte a un qualcosa mai visto prima: non più un mero “adattamento” di un fumetto al grande schermo, ma bensì una vera e propria trasposizione dell’opera. Girato totalmente in green screen, il primo capitolo della saga rivoluzionò il concetto di “cine-comic”, creando un linguaggio tutto nuovo, unico.
Miller e Rodriguez erano riusciti a superarsi, creando l’impossibile, fondendo come non mai cinema e fumetto, dando vita a una città maledetta come il peccato, esagerata come solo una storia di fantasia può essere e cruda come la realtà che ci circonda.

Questo nuovo capitolo non è assolutamente da meno, anzi: l’innesto del 3D riesce a trasportarci direttamente dentro la graphic novel, rendendo l’atmosfera del film ancor più affascinante.

Prosegue la struttura a episodi intrecciati: la storia principale è ovviamente Una donna per cui uccidere, (uno dei libri più apprezzati dagli appassionati della saga) che non solo riunisce Marv, interpretato da Mickey Rourke a Dwight, impersonato da uno strepitoso Josh Brolin, ma introduce una femme fatale che saprà farvi perdere la testa nel momento stesso in cui poserete gli occhi su di lei: Ava Lord, resa “viva” dalla sensuale Eva Green, in un ruolo che sembra sia stato concepito proprio per lei. Cronologicamente, questa storia è collocata prima di Un’abbuffata di morte (episodio presente nel primo film) e spiega come il personaggio di Brolin abbia drammaticamente cambiato faccia. Letteralmente.
Si tratta di una storia d’amore. Un amore tragico, malato, ossessivo, inquietante, in cui non ci saranno vincitori, ma solo vinti.

La sorpresa di questo nuovo capitolo della saga di Sin City è che ci saranno ben due episodi TOTALMENTE INEDITI a completare il film. Due racconti duri, a tratti persino ruvidi, concepiti proprio per il grande schermo. Non che non ci fossero storie da cui attingere, ma è bello vedere il modo in cui Miller ha voluto espandere il suo universo, dando ai fan qualcosa di nuovo, mai visto prima.
Si tratta di Quella lunga, brutta notte e L’ultimo ballo di Nancy.

Nel primo racconto facciamo la conoscenza di Johnny (Joseph Gordon-Levitt), arrogante e strafottente giocatore d’azzardo pronto a tutto pur di mettere con le spalle al muro uno dei personaggi più pericolosi e potenti di Sin City: il senatore Roark (Powers Boothe). L’episodio scorre via bene, appassiona e la bravura del protagonista tiene incollati allo schermo.
La seconda storia originale, invece, si svolge dopo gli eventi narrati nella precedente pellicola. È sostanzialmente un mini-sequel di Quel bastardo giallo, in cui ritroveremo l’affascinante Jessica Alba nei panni della spogliarellista Nancy, assetata di vendetta nei confronti dell’uomo che incolpa per la morte di John Hartigan (Bruce Willis). Il vecchio Marv si offrirà di darle una mano, ma le cose precipiteranno presto…

Sin City: Una donna per cui uccidere sarà in tutte le sale dal 2 ottobre. Sarà violento, cinico, spietato, feroce. Sarà magnifico.

PS: camminando per i vicoli della città più maledetta del mondo, fate molta attenzione, aguzzate la vista: potreste imbattervi persino in quel gran genio di Christopher Lloyd… che non sarà esattamente lo scienziato un pazzarello di Ritorno al futuro

Bentornati a Sin City. Lasciate ogni speranza o voi ch’entrate…

- AA

commenti

0 Risposte a "SIN CITY 3D, UNA DONNA PER CUI UCCIDERE - RECENSIONE DEL FILM IN ANTEPRIMA - JOURNALIST STYLE"

Dicci cosa ne pensi

Il tuo commento è importante, grazie!

Cerca nel blog

FIERE OTTOBRE 2016

- 1/2 > Romics - Nuova Fiera di Roma, quartiere fieristico situato sulla Via Portuense. Ore 10 - 20. Info: www.fieraroma.it | www.romics.it


- 2 > La Via del Fumetto & Disco - Via Emilia, 15057 Tortona (AL). INGRESSO GRATUITO. Info: http://www.lafieradelfumetto.com/


- 8/9 > ALEComics - Cittadella di Alessandria, Caserma Montesanto (AL). INGRESSO GRATUITO. Info: www.alecomics.it


- 8/9 > San Donà Fumetto - Padiglione Fieristico "Area Ex Papa", Via Pralungo 9, 30027 San Donà di Piave (VE). Ore 10.00 - 19.00. Info: www.sandonafumetto.it


- 28/29/30/31 [Qui trovate Comic-Soon] > Lucca Comics & Games - Città di Lucca. Info: www.luccacomicsandgames.com



Scopri tutte le altre fiere in Italia

Pierz [per la tua pubblicità - Redazione Comic Soon]

Post più popolari

© Solone Srls 2014. Powered by Blogger.