giovedì 1 maggio 2014

2 NAPOLI COMICON 2014, GLI AUTORI DI FUMETTI PRESENTI COME OSPITI - UPDATE 01/05/2014


Si sta avvicinando l'edizione 2014 del Napoli Comicon e oramai è completa la lista degli autori di fumetti presenti come ospiti della manifestazione che saranno presenti nella città partenopea dal 1 al 4 Maggio 2014.

Solo per i fumetti ne abbiamo contati ben 52 556163, tutti molto interessanti e di un certo livello, a questi poi si devono aggiungere quelli invitati dai singoli editori, per cui anche per questa edizione del Napoli Comicon si dovranno fare i salti mortali per seguire gli eventi che li coinvolgeranno e che sicuramente prevederanno sessioni di disegni e autografi.

Non accusateci di essere "politically correct", ma veramente abbiamo difficoltà a segnalarvi quale autore seguire maggiormente rispetto ad altri. A parte il genere manga, sono coperti tutte le sfaccettature del mondo del fumetto per cui vi consigliamo di seguite i vostri gusti o le vostre curiosità.

Dopo il "Continua a leggere..." gli ospiti e le loro biografie. 

Elenco degli ospiti presenti al Napoli Comicon 2014


I magnifici 52556163 ospiti del Comicon in un ordine assolutamente casuale:

  1. Giacomo Bevilacqua
  2. Stefano Caselli
  3. Riccardo Burchielli
  4. Francesco Mattina
  5. Massimo Marconi
  6. Stefano Frassetto
  7. Mathieu Reynès
  8. Valérie Vernay
  9. Lorenzo Bartoli
  10. Daniele “Gud” Bonomo
  11. Giorgio Pontrelli
  12. Paolo Cattaneo
  13. Alessio Nencioni
  14. Luca Lenci
  15. Davide Tarò
  16. Stefano Simeone
  17. Alberto Madrigal
  18. Stephen Collins
  19. Tito Faraci
  20. Peter Milligan
  21. Silvia Ziche
  22. Riad Sattouf
  23. Michel Kichka
  24. Simon Bisley
  25. Alfredo Castelli
  26. Alberto Ponticelli
  27. Jutta Bauer
  28. Davide Toffolo
  29. Giuseppe Camuncoli
  30. Daw - Davide Berardi
  31. Massimo Giacon
  32. Mathieu Sapin
  33. Tony Sandoval
  34. Dave McKean
  35. Simone Bianchi
  36. Gabriele Dell’Otto
  37. Juan Canales
  38. Laura Scarpa
  39. Igort
  40. Massimiliano Frezzato
  41. Gipi
  42. Tuono Pettinato
  43. Luis Royo
  44. Giorgio Carpinteri
  45. Ugo Bertotti
  46. Mirka Andolfo
  47. Sbalzo
  48. Vivès – Balak – Sanlaville
  49. Silver
  50. Elena Casagrande
  51. Don Alemanno
  52. Pia Valentina
  53. Riccardo Federici
  54. Francesca Zoni
  55. Raffaele Sorrentino
  56. Davide de Cubellis
  57. Graziano Romani
  58. Zerocalcare
  59. Giuseppe Palumbo
  60. Alexandre Clérisse
  61. Paolo Del Vaglio
  62. Luca Dalisi
  63. Fabrizio Petrossi



Giacomo Bevilacqua ospite al Napoli Comicon 2014

giacomo bevilacqua ospite al Napoli Comicon 2014
Frequenta il liceo artistico e la Scuola Internazionale di Comics. Dal 2003 inizia una collaborazione con la casa editrice Eura Editoriale, disegnando il numero 22 del mensile a fumetti Detective Dante curato da Lorenzo Bartoli e Roberto Recchioni. Successivamente lavora alla serie John Doe e alla realizzazione di varie storie brevi pubblicate su Lanciostory, ad esempio Easter, una miniserie creata da lui e Bartoli. Dal 2004 al 2007 ha fatto parte della compagnia teatrale Bambini Cattivi di Marco Perrone, in qualità di autore e attore di cabaret, partecipando sia a spettacoli teatrali che al programma televisivo Second Italy, condotto da Paolo Hendel e andato in onda nel 2007 su Comedy Central. Il 22 maggio del 2008, crea la sua opera di maggior successo, A Panda piace, inizialmente pubblicata esclusivamente sul blog. Nel 2010, la rete televisiva La7 decide di affidare a Giacomo Bevilacqua il design delle strenne natalizie della rete per la stagione 2010-2011. Giacomo realizza così 10 soggetti animati riguardanti le feste natalizie che vedono come protagonista Panda, personaggio principale di A Panda piace. Nel 2010 lavora per l’editrice americana IDW Publishing, per la quale ha disegnato una miniserie dei G.I. Joe intitolata Future Noir. Dal 2011 è al lavoro su Metamorphosis, una miniserie in tre numeri scritta e disegnata da lui. Nel 2012 firma un contratto con Edition Delcourt per Panda aime, la versione francese di A Panda Piace. Nel 2013 firma un contratto con Panini Comics, che pubblica, oltre all’edizione integrale di Metamorphosis, un volume dedicato a Panda (“Il Primo Grande Libro di A Panda Piace…”) e la serie regolare dedicata al personaggio “A Panda Piace… L’avventura”.

Stefano Caselli ospite al Napoli Comicon 2014

Frequenta la Scuola Romana dei Fumetti dove si diploma dopo tre anni. Inizia come storyboard artist per il cinema e la pubblicità, ed approda ai fumetti scrivendo ed illustrando storie brevi per Playboy italia. Nel 2002 inizia la sua collaborazione come disegnatore con la Marvel Comics realizzando a giugno i disegni per la seconda parte di Mutant X: Dangerous Decision vol.1, tratto dalla serie televisiva omonima, poi a settembre realizza Thunderbolts n. 70. Dopo l’esperienza alla Marvel Comics si trasferisce alla Devil’s Due Publishing dove collabora per la realizzazione dei Micronauts serie ispirata ai giocattoli degli anni settanta, per poi approdare come disegnatore regolare dei G.I. Joe, altra serie ispirata a una linea di giocattoli e cartoni animati della successiva decade. Nel 2004 insieme a Tim Seeley crea la serie horror Hack/Slash della quale realizza i disegni del primo numero. Da questo volume inizia la lunga collaborazione con il colorista malese Sunder Raj.
Nel 2006 torna alla Marvel, firmando un contratto d’esclusiva. Per la “casa delle idee” realizza una mini serie di 4 numeri (Civil War: Young Avergers/ Runaways), che vede come protagonisti due gruppi di giovani supereroi. Con lo sceneggiatore Dan Slott realizza una mini-serie di 6 numeri (Divenuta una serie a tutti gli effetti), intitolata Avengers: The Initiative, la cui pubblicazione è iniziata a marzo 2007. Dal 2011 al 2012, per i testi di Dan Slott, realizza i disegni per la collana americana The Amazing Spider-Man, dedicata all’Uomo Ragno, per poi passare alla testata principale degli Avengers e, più recentemente, alla nuova serie intitolata Avengers World.

Riccardo Burchielli ospite al Napoli Comicon 2014

Nato in Toscana, per molti anni ha lavorato come art director nel mondo della pubblicità. La sua carriera da fumettista inizia nel 2003, quando entra nello staff di John Doe dell’Editoriale Eura. Nel 2005 viene scelto dall’editor Vertigo Will Dennis e dallo scrittore Brian Wood come co-creatore della serie DMZ per l’etichetta Vertigo di DC Comics. Mentre lavora su quest’ultima come artista regolare, collabora ad altre pubblicazioni per il mercato italiano e riceve il prestigioso Gran Guinigi come Miglior Artista a Lucca Comics 2007. Dopo la conclusione di DMZ continua a collaborare con Vertigo su Northlanders e American Vampire, mentre per DC disegna Dial H, Batman Black and White Arkham Unhinged per la divisione digital. In coppia con Brian Wood ha recentemente firmato una run di Conan per Dark Horse.

Francesco Mattina ospite al Napoli Comicon 2014

Dopo la laurea in architettura, lavora per cinque anni come assistente alla cattedra di scenografia. Collabora con i vfx Studios come concept artist, dopodiché, grazie all’incontro con Andrea DiVito e Lee Bermejo, mostra i suoi lavori a C.B. Cebulski, autore ed editore per la Marvel Comics, e nel 2007 firma il suo primo contratto come cover artist presso La casa delle idee. Nel 2009 inizia a collaborare anche con la DC Comics firmando le copertine di Batman Confidential, Batman: La spada di Azrael, Red Hood e The Joker’s Asylum. Successivamente lavora per DC comics Licensing e Warner Bros come cover artist e disegnatore di immagini promozionali per il mercato dell’home video e dvd e, sempre nel 2009, collabora con la casa editrice Radical Comics, partner della casa di produzione cinematografica Intandem, per Afterdark e Ryder on the storm. Partecipa anche ad un video-documentario in due parti per la rivista La Repubblica XL intitolato ‘XL Pirates of ComiCon'. Nell’autunno dello stesso anno diventa insegnante di fumetto, illustrazione e colorazione digitale presso la Scuola Internazionale di Comics di Torino.

Massimo Marconi ospite al Napoli Comicon 2014

Laureato in Legge, ancora studente fa le sue prime esperienze nel campo redazionale. Nel 1970 viene assunto da Mondadori nella redazione di Bolero e l’anno successivo passa a Topolino. Si occupa di vagliare e di rivedere le sceneggiature disneyane, prima come capo servizio e poi come coordinatore-capo, svolgendo tale mansione fino al 1994. Per i periodici disneyani scrive anche racconti in testo, cura rubriche e dal 1974 è anche prolifico sceneggiatore, talvolta con lo pseudonimo “Antonio Secondo”. La prima storia scritta è Zio Paperone e l’esenzione di Venceslao, apparsa su Almanacco Topolino n. 212 dell’agosto 1974. Tra le avventure memorabili, Paperinik e il mistero di Tuba Mascherata (1987), Topolino e la spada del tempo (1990) e Topolino presenta “La Strada” (1991). Scrive anche i testi per vari Manuali Disney (1972-84). Contribuisce a Il Mensile di Barbapapà (1985) e nei primi anni Novanta sceneggia anche alcune storie per Tiramolla. Dal 1994 passa ad Epierre/If Edizioni, dove è tra gli sceneggiatori di Quicky Adventure (1997-99) e continua ad occuparsi di pubblicazioni disneyane, sia come editor di one-shot quali The Best of Topolino (1998), The Best of Paperino (1999) e The Best of Pippo (2000) e di collane allegate a periodici quali Topolino Sport (1994), Disney MEGAZINE (1997), Topolino Story (2005), La Grande Dinastia dei Paperi (2008) e Gli Anni d’Oro di Topolino (2010), sia come sceneggiatore, occupandosi tra l’altro di personaggi quali Indiana Pipps e Paperinik. Nel 2004 sceneggia un numero di Diabolik insieme con Tito Faraci e Patricia Martinelli.

Stefano Frassetto ospite al Napoli Comicon 2014

Nasce a Torino nel 1968, dove ad oggi vive e lavora. Laureato in architettura, come fumettista realizza la striscia Ippo per Il Giornalino a partire dal 2005 e la striscia giornaliera 35mq per il quotidiano svizzero 20 Minuti a partire dal 2011. Come sceneggiatore nel 2007 pubblica il fumetto Gate 22 – Il domani altrove (disegni di Pierpaolo Rovero) per Pavesio ed uscito anche in Francia. Come illustratore-ritrattista collabora con numerose testate italiane e straniere, come La Stampa, Libération e Il Sole 24 Ore. Come vignettista collabora con Famiglia Cristiana a partire dal 2011.

Mathieu Reynès ospite al Napoli Comicon 2014

E' un illustratore e sceneggiatore francese. Dopo un’istruzione di tipo scientifico, si è concentrato sull’animazione 3D. Ha lavorato a tempo pieno come disegnatore di fumetti in collaborazione con lo sceneggiatore Frédéric Brrémaud, realizzato script di libri umoristici e creato la serie Alter Ego con Denis Lapière e Pierre-Paul Renders per Dupuis (2007). Per la collana Tipitondi di Tunué ha pubblicato La memoria dell’acqua, disegnato da Valérie Vernay.

Valérie Vernay ospite al Napoli Comicon 2014

Valérie Vernay ospite al Napoli Comicon 2014
Valérie Vernay (Lione, Francia, 1976) inizia la sua formazione come illustratrice presso la scuola d’arte Émile Cohl. Dopo la laurea realizza il suo primo libro per bambini, Il guardiano della notte, con la casa editrice Petit à Petit (2000). Ha partecipato a diverse collettive e ha lavorato come colorista per Sexy Gun, volumi 1 e 2 (Delcourt) prima di realizzare l’adattamento a fumetti de La guerra dei bottoni (Petit à Petit, 2005). Per la collana Tipitondi di Tunué ha pubblicato La memoria dell’acqua, scritto da Mathieu Reynès.

Lorenzo Bartoli ospite al Napoli Comicon 2014

Sceneggiatore, autore di fumetti, regista e scrittore, colla­bora con le principali case editrici di fumetto, ideatore insieme a Roberto Recchioni del celebre personaggio John Doe, premio Gran Guinigi (Luc­ca Comics and Games), scrive alcuni episodi per il cartone animato delle Winx, collabora con Disney alla serie Monster Allergy e Kylion.

Daniele “Gud” Bonomo ospite al Napoli Comicon 2014

Laureato nel 2000 in scienze politiche alla Terza Università degli studi S.Paolo di Roma, diplomato alla Scuola Internazionale di Comics sempre nel 2000. Giornalista pubblicista dal 2001 al 2006 collabora con la rivista mensile Next Exit – creatività e lavoro, per la quale cura la sezione dedicata al fumetto, all’animazione e all’illustrazione.
Dal 2001 insegna fumetto, scenografia per l’animazione e storia del fumetto presso la sede romana della Scuola Internazionale di Comics e cura laboratori di narrativa disegnata per scuole pubbliche e private di diverso grado e per il CEIS (Centro italiano di Solidarietà). Dirige inoltre il settimanale umoristico on line www.segnalidifumo.it e l’agenzia ComicsProvider.com che fornisce contenuti disegnati on demand per aziende e privati.
Come disegnatore umoristico realizza dal 2002 al 2005 il servizio di vignette via MMS per la telefonia mobile per conto di ACOTEL (content provider di TIM). Nel 2003, nel 2005 e nel 2007 vince il “Campionato italiano di vignette sul ring” a Diamante (CS). Nel 2005 è stato responsabile comunicazione e marketing del fumetto Sara e Pol.
Pubblica con la casa editrice Tunué il saggio: Will Eisner. Il fumetto come arte sequenziale. Nel 2007 lavora sul Il grande libro per i bambini cattivi (che diventeranno buoni) per Newton Compton Editori. Sempre per Tunué nel 2007 pubblica Gentes raccolta umoristica di storie brevi a fumetti. Poi nel 2009 pubblica il graphic novel Heidi Mon Amour e diventa co-curatore con Sergio Badino della rivista semestrale Mono. Esce nel 2011 Gaia Blues, una delicata storia a fumetti,  senza parole, a tema ecologico. Nel 2012 pubblica, disegnando su testi della grande scrittrice italiana Dacia Maraini, La notte dei giocattoli, graphic novel per ragazzi, quarto volume della collana Tipitondi di Tunué. Per la collana manuali TunuéLab nel settembre 2013 esce Tutti possono fare fumetti.

Luca Dalisi ospite al Napoli Comicon 2014

Luca Dalisi (Napoli 1969), illustratore/fumettista/narratore, firma illustrazioni e graphic novel per “La Lettura” (supplemento de “Il Corriere della Sera”). È autore de La polvere dei miei stivali – Vita e morte di Pat Garrett sceriffo e Billy The Kid poeta (Lavieri, 2011); Refusenik (Il Grifo, 2009); Da Silly Cowboy (Le Nuvole, 2005) e, con Gabriele Frasca, Il fermo volere, romanzo visivo con illustrazioni a fronte (edizioni D’If, 2004). Ha realizzato copertine e illustrato libri (soprattutto per bambini e ragazzi), tra i quali La bibliotecaria (Fanucci, 2009), La strana storia del pesciolino rosso… (L’Isola dei Ragazzi, 2004), Battista pellicano ecologista (L’Isola dei Ragazzi, 2003), Pomigliano, il galeone… (Massa, 2004). Come grafico cura l’immagine del Centro territoriale Mammut di Scampia, della rivista “Il Barrito del Mammut” e del gruppo rock Tunnel Fx (The Acrobat, 2012; Missing over you, 2009).

Giorgio Pontrelli ospite al Napoli Comicon 2014

Pubblica in Italia per Disney, Sergio Bonelli Editore, Raim­bow Tridimensional, Dc Comics, in Francia per Soleil, Edition narrative. Per la tv, il cinema e la pubblicità Rai tv, Roncaglia & Wijkander, Tortuga Film, 2B Team, R&C. Insegna dal 2003 presso la Scuola Internazionale di Comics di Roma, Jesi e Pescara.
Giorgio Pontrelli, (Bari 1977) autore pubblica in Italia per Disney, Sergio Bonelli Editore, Raim­bow Tridimensional, Dc Comics, in Francia per Soleil,

Paolo Cattaneo ospite al Napoli Comicon 2014

Paolo Cattaneo, 1982, vive e lavora a Genova, dove ha conseguito la laurea in Pittura presso l’Accademia Ligustica di Belle Arti.
Dal 2008 lavora nelle scuole primarie con l’Ass. Mus-e Italia Onlus.
Fumettista e illustratore, i suoi lavori sono regolarmente pubblicati sul blog che cura dal 2009 (paoloimmaginario.blogspot.com) su alcune riviste indipendenti quali Alice Baum, Banlieue, Costola, Delebile e sulla rete (frizzifrizzi.it, retinacomics.org).
Nei suoi fumetti protagonista é il villaggio delle periferie anonime, un microcosmo all’apparenza monotono ma increspato da mille sfumature, che le sue gallerie di personaggi iperrealisti colgono con accurata delicatezza di tratto.
Racconti concisi, schizzati con precisione dalla matita e valorizzati da un bianco/nero materico, attento ai dettagli, ai corpi e alle facce.
Nel 2012 esce Pali della Luce (Inuit, Bologna), antologia di racconti brevi a fumetti presentata al festival Bilbolbul di Bologna accompagnata da un’esposizione in una delle mostre OFF  presso la Libreria Inuit.

Alessio Nencioni ospite al Napoli Comicon 2014

Laureato in filosofia, e con un master in editoria, ha affrontato i lavori più svariati, annaspando nel magico mondo del precariato. Da segnalare in ambito artistico-culturale la collaborazione con Teatrionline (recensioni teatrali), e Nove da Firenze (articoli culturali). Vincitore del primo premio letterario (2007) indetto dalla casa editrice Altre Righe, pubblicato il racconto Caffè e Camomilla (2009). Pubblicato il saggio filosofico La teoria dei media nel pensiero di Anders con Prospettiva Editrice (2010). Coautore e aiuto regista dello spettacolo teatrale Pietre Il gioco del Mondo (2010). Autore di testi per audioguide per conto di 3minutesguides. Regista e sceneggiatore dei lungometraggi Il lago nero 3 e Verso Orione.

Luca Lenci ospite al Napoli Comicon 2014

Dopo essersi diplomato presso l’Istituto tecnico per geometri di Lucca, decide di immergersi nel fumetto iscrivendosi alla Scuola internazionale di comics di Firenze, dove si diploma nel 2012 a pieni voti.
Si classifica secondo alla settima edizione del concorso “matite per la pace”.
Si classifica fra i finalisti di Lucca Junior nelle edizioni 2012 e 2013 e  lavora come colorista per il quinto volume di Skinwalker, edito da Bookmaker.
Arriva terzo alla prima edizione del “Comicsjam”, tenutosi a Firenze, nello stesso anno riceve la menzione speciale al “Project Contest” di Lucca Comics e si aggiudica il primo premio al Mangaka contest.
Ad aprile, pubblica per Kleiner Flug il volume Nicola Pisano, su testi di Alessio Nencioni.

Davide Tarò ospite al Napoli Comicon 2014

Nasca a Torino nel 1976, vive a Settimo Torinese, smart city alle porte della sabauda Torino, disseminata di fantastiche rovine e di architetture post-industriali appena sotto la verde collina torinese e sulle sponde del Po, fantascientifica e cyberpunk al punto giusto. È autore dei saggi Oshii Mamoru, Le affinità sotto il guscio (Morpheo Edizioni, 2006), Anime. Storia del cinema di animazione giapponese 1984-2007 (Il Foglio, 2007) con Andrea Fontana, Satoshi Kon. Il cinema attraverso lo specchio (Il Foglio, 2009) con Enrico Azzano e Andrea Fontana, Il cinema di Shinya Tsukamoto (Il Foglio, 2010) con Andrea Fontana e Fabio Zanello. Nel 2012 pubblica il suo primo romanzo EMINA OrfaniRoboT per 001 Edizioni, segnalato al prestigioso premio World SF Italia, a cui seguono i racconti KODOMO TauriNoruM pubblicato nell’antologia TOnirica (Il Foglio, 2013) a cura di Alessandro Del Gaudio ed EIGA MURA pubblicato nella collana Demian diretta da Sacha Naspini e Federico Guerri per le Edizioni Il Foglio. Fa parte del comitato scientifico del Mu.Fant. – Museo del Fantastico e della Fantascienza di Torino.

Stefano Simeone ospite al Napoli Comicon 2014

E' uno dei più promettenti autori del panorama fumettistico italiano. Dopo il suo esordio con Semplice (Edizioni Tunué), opera che gli è valsa il premio Romics 2013 come Miglior libro italiano e il premio Boscarato 2013 come Autore Rivelazione, nel 2013 pubblica il suo secondo graphic novel, Ogni piccolo pezzo (Bao Publishing). Autore completo, disegnatore, colorista, collabora con numerose riviste indipendenti e lavora per le principali case editrici italiane ed estere.

Alberto Madrigal ospite al Napoli Comicon 2014

Nato in Spagna e trapiantato a Berlino dal 2007, dopo alcune storie brevi e lavori da illustratore freelance, Alberto Madrigal fa il suo esordio nel mondo del fumetto con la sua prima opera lunga nel 2013, quando pubblica Un lavoro vero (Bao Publishing), di cui è autore completo. Attento al tema dell’identità personale nel contesto della società, Madrigal racconta con voce sensibile lo smarrimento e i sogni della sua generazione. Attualmente è al lavoro sul suo secondo libro, di futura pubblicazione sempre per Bao Publishing.

Stephen Collins ospite al Napoli Comicon 2014

Inglese, originario di Londra, Stephen Collins è illustratore e fumettista. Collabora con il Guardian Weekend Magazine, per il quale scrive una striscia settimanale che sta ottenendo sempre più riscontri. Autore di storie brevi a metà tra l’allegoria sociale e la metafora di vita, nel 2013 fa il suo esordio nel mondo dei graphic novel inglesi con La gigantesca barba malvagia, candidato come Miglior libro dell’anno e di imminente pubblicazione anche in Italia, per Bao Publishing che lo presenterà in anteprima proprio a Napoli

Tito Faraci ospite al Napoli Comicon 2014

Luca “Tito” Faraci nasce a Gallarate, in provincia di Varese, il 23 maggio 1965. Abbandonata la carriera di giornalista musicale, entra nel mondo del fumetto negli anni Novanta, con Topolino. Per lo storico settimanale Faraci sceneggia storie affidate a disegnatori del calibro di Romano Scarpa, Massimo De Vita, Corrado Mastantuono, Silvia Ziche e, in particolare, Giorgio Cavazzano. Insieme a quest’ultimo dà vita al personaggio di Rock Sassi. Nel 2000, per Einaudi, esce Topolino Noir, un volume che propone le migliori storie “criminali” di Faraci, con il quale si impone come autore anche a chi abitualmente non legge fumetti. La collaborazione con la Disney tocca il suo culmine nel biennio 2008-09, quando sceneggia La vera storia di Novecento, versione disneyana di Novecento di Alessandro Baricco.
A partire dal 1998 Faraci allarga il proprio campo di azione con soggetti e sceneggiature per Lupo Alberto e Diabolik. Dal 1999 collabora con Sergio Bonelli Editore, con episodi di Dylan Dog, Nick Raider, Magico Vento,Martin Mystère, nonché Cico. Nel 2005 nasce il suo primo personaggio: Brad Barron, la prima miniserie bonelliana, che si sviluppa in diciotto numeri e ottiene un notevole successo. È del 2007 il passaggio a Tex. Sceneggia due storie per la Marvel; del 2005, invece, è L’ultima battaglia, graphic novel disegnato dall’americano Daniel Brereton per la collana Buena Vista Lab.
In occasione del numero 3000 di Topolino, uscito a maggio 2013, collabora con Giorgio Cavazzano per la realizzazione della storia ”Pippo, Gambadilegno e… il colpo da tremila”.
Alla fine del 2011, è uscito anche il romanzo Oltre la soglia, un horror pubblicato da Piemme; solo pochi mesi fa invece è stato pubblicato Death Metal, suo ultimo romanzo, sempre con Piemme.

Peter Milligan ospite al Napoli Comicon 2014

Peter Milligan ospite al Napoli Comicon 2014
Esordisce nel mondo del fumetto, come quasi tutti gli autori della sua generazione, sulla rivista 2000 AD, dove appaiono i suoi primi lavori importanti come BAD COMPANY (disegnato da Brett Ewins e Jim McCarthy) e HEWLIGAN’S HAIRCUT, con le matite di Jamie Hewlett. Il suo primo lavoro per la DC Comics è la miniserie SKREEMER, al quale fa seguito l’enorme successo di SHADE, THE CHANGING MAN, che lo lancia tra gli autori più importanti degli anni Novanta insieme ai disegnatori principali della serie: Chris Bachalo e Mark Buckingham. La breve run su ANIMAL MAN, le miniserie ENIGMA AND THE EXTREMIST, e il rilancio di THE HUMAN TARGET confermano il suo talento.
Nel 2001 passa alla Marvel, dove si occupa della serie XForce (poi X-Statix), che gli fa raccogliere altri consensi. Dopo alcune esperienze come sceneggiatore TV, nel 2008 torna alla DC per riportare HELLBLAZER ai fasti di un tempo. Il rilancio dell’universo DC lo vede protagonista come autore di RED LANTERNS, JUSTICE LEAGUE DARK e STORMWATCH.

Silvia Ziche ospite al Napoli Comicon 2014

Silvia Ziche pubblica le prime tavole su Linus nel 1987. Approda poi sulle pagine di Cuore, Smemoranda, Topolino, Comix.
Nel tempo si sono susseguite varie altre collaborazioni a periodici, più alcune uscite in libreria. In generale, alterna la scrittura di lunghe storie a puntate (Disney), alla ideazione di strisce e vignette.
Prosegue, in parallelo, una costante collaborazione con le testate Disney, e una produzione autonoma.
Il suo personaggio più recente, Lucrezia, appare settimanalmente sulle pagine di Donna Moderna ed in libreria.

Riad Sattouf ospite al Napoli Comicon 2014

Riad Sattouf è nato nel 1978 da padre siriano e madre francese. È cresciuto in Siria in un vllaggio vicino a Homs, studia alla scuola musulmana e si trasferisce in Francia definitivamente a 13 anni. Studia Cinema di Animazione alla Scuola dei Gobelins e nel 2002 presenta alla casa editrice Dargaud il progetto Le Povere Avventure di Jérémie, che narra la disavventure di un franco-libanese e i suoi amici che gli vale il premio Goscinny per la miglior sceneggiatura e che vedrà 3 volumi pubblicati. Pubblica anceh per L’Association (La vie secrète de jeunes), per Bréal (Manuel d’un puceau, Ma circoncision) mentre Bao Publishing traduce in Italiano Pascal Brutal, che al prestigioso Festival di Angoulême aveva vinto Le Fauve d’Or nel 2010 col terzo volume.
Nel 2009, Sattouf ha cominciato la sua carriera di regista di cinema: ha scritto e diretto Les Beaux Gosses (L’ultimo bacio) che vince il César per la miglior opera prima, mentre è appena uscito nelle sale francesi il suo secondo film Jackie aux royaume des filles, con protagonista Charlotte Gainsbourg. 

Michel Kichka ospite al Napoli Comicon 2014

Michel Kichka è uno dei più importanti cartoonist Israeliani, membro fondatore della prestigiosa associazione Cartooning for Peace, insegna alla Bezalel Academy in Israele. Sono stati suoi allievi, tra i tanti, Rutu Modan (premio Miglior Opera Lucca Comics and Games 2013) e Uri Fink. Presiede l’Associazione dei disegnatori israeliani e collabora con vari giornali e emittenti francesi (Le monde, TV5). Nel 2011 il ministro francese della Cultura lo nomina Cavaliere delle Arti e delle Lettere.

Simon Bisley ospite al Napoli Comicon 2014

Simon Bisley ospite al Napoli Comicon 2014
Simon Bisley è un fumettista britannico il cui grande talento è apprezzato anche negli Stati Uniti e in tutta Europa. Diventato famoso in patria grazie alle serie A.B.C. WARRIORS: THE BLACK HOLE E SLÁINE: THE HORNED GOD, poco dopo si è messo in evidenza nel mercato americano per merito della miniserie LOBO (scritta da Keith Giffen e Alan Grant) che, nel 1990, segnò il debutto solista nel personaggio. Nel corso degli anni Bisley ha disegnato altre volte le gesta di questo imprevedibile cacciatore di taglie forti, su LOBO: PARAMILITARY CHRISTMAS SPECIAL (1991), LOBO’S BACK BACK (1992), BATMAN/LOBO (2000) e THE AUTHORITY/LOBO (2004). Il tratto oscuro e graffiante dell’artista si adatta perfettamente anche al vigilante di Gotham City, con cui Simon Bisley si è cimentato in diver­se occasioni come BATMAN/JUDGE DREDD: GIUDIZIO SU GOTHAM (1991) e BATMAN BLACK&WHITE #2 (1996). Nel 2009 il disegnatore è approdato su HELLBLAZER.

Alfredo Castelli ospite al Napoli Comicon 2014

Alfredo Castelli nasce a Milano il 26 giugno 1947. È considerato il primo fanzinaro italiano, essendo sua la rivista Comics Club 104 che inaugurò nel 1966. Già dall’anno precedente, aveva iniziato a collaborare con gli editori di Kolosso, e a disegnare le avventure di Scheletrino che apparivano su Diabolik (personaggio cui resterà sempre molto affezionato, riuscendo a firmarne anche alcune storie con protagonista Eva Kant). Nel 1967, scrive la sceneggiatura di episodi di Rocky Rider, Pedrito El Drito e Piccola Eva per la Casa editrice Universo; collabora poi a Cucciolo e Tiramolla delle Edizioni Alpe e a Topolino della Mondadori. Tra il 1966 ed il 1969, si occupa della serie televisiva Cappuccetto a Pois (insieme a Maria Perego) e scrive i testi di numerosi caroselli televisivi: Taca Banda, Antenat, Tuttostanco. Firma anche la sceneggiatura del film Il Tunnel sotto il mondo. Nel 1969, con Mario Gomboli, Marco Baratelli e Carlo Peroni, crea il periodico umoristico Tilt; nel 1970, insieme a Pier Carpi, dà il via a Horror, per il quale scrive, oltre a decine di racconti autoconclusivi, la striscia di Zio Boris. Per il Corriere dei Ragazzi, di cui diviene redattore, crea L’Ombra, Gli Aristocratici, L’Omino Bufo (disegnato da lui stesso) e Otto Kruntz. Per il mercato estero scrive Mark Merlin, apparso sul periodico tedesco Zack, e collabora alle riviste francesi Pif e Scoop. Tra il 1971 e il 1973, lo vediamo attivo sul Giornalino con Mister Charade , Gli Astrostoppisti e Chico & Blasco. Nel 1978, per il settimanale Supergulp della Mondadori, scrive le avventure di Allan Quatermain che funge da base per Martin Mystère, personaggio che, nel 1980, con i disegni di Giancarlo Alessandrini, viene proposto a Sergio Bonelli, che lo pubblica a partire dal 1982. Sempre per Bonelli, Castelli scrive episodi di Dylan Dog, Zagor, Mister No e i volumi L’Uomo delle Nevi (disegni di Milo Manara) e L’Uomo di Chicago (disegnato da Alessandrini). Nel 1983, insieme a Silver, rifonda la rivista Eureka, pubblicata dalla Corno. Nel 1987, tramite lo studio Epierre, collabora alla Walt Disney Company che pubblica Topolino e gli altri periodici disneyani. Lo stesso anno, vara l’Almanacco del Mistero, pubblicazione annuale collegata alla serie Martin Mystère. Da non dimenticare poi Zona X, collana di storie insolite autoconclusive che, nella formula iniziale della testata erano presentate da Martin Mystère, e il ritorno alla sua vena di scrittore umoristico, con la stesura di soggetto e sceneggiatura di una recente avventura di Pedrito El Drito, disegnata da Antonio Terenghi, pubblicata nel maggio 2000 nella collana bonelliana I grandi comici del fumetto.

Alberto Ponticelli ospite al Napoli Comicon 2014

Alberto Ponticelli nasce a Milano nel 1969. Esordisce nel ‘94 insieme al collettivo Shok Studio, di cui ha fatto parte fino allo scioglimento del gruppo, autoproducendo vari fumetti ripubblicati poi in USA con la casa editrice Dark Horse Comics e in Italia con Panini.
Dal 1997 ad oggi Lavora come disegnatore presso svariate case editrici americane (Image, Marvel , DC Comics, Dark Horse,IDW) e francesi (Casterman, Delcourt, Les Humanoides Associés).
Nel 2008 Debutta come autore completo con il progetto BLATTA (Bloom edizioni), grazie al quale vince il Premio Micheluzzi 2009 come miglior disegnatore e il Premio Boscarato 2009 come miglior fumetto. É stato il disegnatore ufficiale della serie Unknown Soldier (DC/Vertigo), nominata agli Eisner Awards 2009 come miglior nuova serie.
Nel 2011 , insieme al collettivo Dummy, pubblica il libro Le 5 fasi ( BD edizioni) e il portfolio PHOBOS (3square feet).
Attualmente è il disegnatore regolare della serie Frankenstein (DC Comics) scritta da Jeff Lemire e Matt Kindt.

Jutta Bauer ospite al Napoli Comicon 2014

Jutta Bauer è nata a Volksdorf nel 1955. In attesa di iniziare gli studi alla Fachhochschule für Gestaltung di Amburgo, ha lavorato come bambinaia, infermiera ausiliaria e infermiera professionale. Nel 1980 è diventata membro dell’Hamburger Illustratorengruppe (Gruppo di illustratori di Amburgo) e i suoi primi libri illustrati, compreso un libro scolastico, sono apparsi nel 1981. Ad oggi l’artista ha pubblicato innumerevoli libri illustrati, libri per bambini, oltre a illustrazioni e fumetti per riviste e vari cartoni animati. Un’annosa collaborazione artistica la lega a Kirsten Boie e Christine Nöstlinger, entrambe autrici di libri per bambini. Trascorre molte settimane all’anno in viaggio per la promozione dei suoi libri e per laboratori che l’hanno portata in giro per il mondo. Nell’anno accademico 2006/2007 Jutta Bauer ha insegnato illustrazione all’Università di Weimar.
Con libri come Die Königin der Farben (1998, trad. lett. La Regina dei colori), Schreimutter (2000, Urlo di mamma, 2002) o Opas Engel (2001, L’angelo del nonno, 2002), divenuti già dei classici, Jutta Bauer ha creato delle opere che a livello testuale e grafico, delineano l’ambivalente mondo dei bambini, affrontando tuttavia questi temi, secondo il principio della riduzione, in modo articolato. Che siano presentati sotto forma di un gioco di colori ed emozioni come in Die Königin der Farben o come il drammatico racconto del pinguino che perde il proprio equilibrio per le grida di sua madre in Schreimutter, i libri illustrati e i libri per bambini di Jutta Bauer affrontano i temi legati a bisogni essenziali e a esperienze fondamentali trascendendo i limiti di età. Il lavoro di Jutta Bauer nel campo della letteratura per bambini è stato apprezzato e riconosciuto oltre che con il Premio del Libro Illustrato di Troisdorf – conferitole più volte – con le nomine e i riconoscimenti del Premio Tedesco di Letteratura per Ragazzi (nel 2001 per Schreimutter) e nel 2008 e nel 2009 con la nomina al Premio Libri per Bambini più cospicuo al mondo, il premio in memoria di Astrid Lindgren. Nel 2009 Jutta Bauer ha vinto il Premio tedesco di letteratura per ragazzi per l’opera omnia cui è seguito, nel 2010, il Premio Hans Christian Andersen per l’Illustrazione (IBBY International). Nel 2012 l’autrice è stata a Napoli dove il Goethe-Institut, in collaborazione con il COMICON, le hanno dedicato la prima personale con più di trecento opere esposte dal titolo La Regina delle Linee.

Davide Toffolo ospite al Napoli Comicon 2014

Davide Toffolo nasce a Pordenone il 17 gennaio 1965. Si laurea all’Università di Bologna, città dove frequenta la scuola di fumetto Zio Feininger di Andrea Pazienza e Lorenzo Mattotti. Uno dei suoi temi prediletti è l’adolescenza con le sue difficoltà e i suoi conflitti. Toffolo, molto legato alla storia del fumetto italiano, partecipa al tributo a Magnus al festival internazionale di fumetto BilBOlbul  nel marzo 2007 con una mostra personale intitolataNelle mani di Magnus in Piazza Maggiore. Su Magnus ha anche realizzato una biografia. Oltre a Magnus tra i suoi ispiratori ci sono Pier Paolo Pasolini, Ettore Petrolini, Federico Fellini e Tim Burton ed ha dichiarato di aver avuto per un certo periodo una particolare predilezione per il Futurismo, movimento artistico che lo ha influenzato molto durante la sua vita di disegnatore e di musicista (Toffolo fondò un gruppo prima di dedicarsi ai TARM, chiamato Futuritmi). Si occupa anche di insegnare ai giovani l’arte del fumetto, collabora da più di dieci anni con scuole e associazioni culturali, nel 2000 realizza infatti il manuale: Fare Fumetto.
Nel 2008 partecipa al tour teatrale Da Solo di Vinicio Capossela, dove disegna i side show banners.
Un suo lavoro, Il re bianco, narra la storia della morte del gorilla bianco Copito de Nieve, dello zoo di Barcellona. Nel dicembre 2010 esce L’inverno d’Italia che vede come protagonisti due bambini sloveni che vivono la realtà di un campo di concentramento italiano durante la seconda guerra mondiale. Sempre nel 2010, a Torino, guida un workshop di romanzo grafico per il progetto SettantaOttanta, supportato dal Museo nazionale del Cinema, sui fatti avvenuti nel capoluogo piemontese fra il settembre e l’ottobre 1980, legati alla FIAT.
Nel 2011 propone uno spettacolo teatrale ispirato al suo fumetto Intervista a Pasolini. Lo spettacolo ha visto Toffolo accompagnare con i suoi disegni le parole di Pier Paolo Pasolini (che recita le sue poesie). Gli altri due componenti dei Tre Allegri Ragazzi Morti (ossia Enrico Molteni e Luca Masseroni) hanno creato il sound musicale dello spettacolo. Nel settembre del 2011 progetta uno spettacolo dal titolo Working Class Superheroes, per festeggiare i 100 anni della Casa del popolo di Pordenone.
Nel 2014 pubblica una nuova opera, Graphic Novel is Dead pubblicato da Rizzoli Lizzard, autobiografia dell’artista in 140 tavole. L’opera è da inquadrarsi in una prospettiva più ampia, quella del ventesimo anno di attività del gruppo dei Tre Allegri Ragazzi Morti. Il secondo passo di questa celebrazione è il musical Cinque Allegri Ragazzi Morti, trasposizione teatrale della nota serie a fumetti di Toffolo, in scena al Teatro Litta di Milano dal 16 al 20 gennaio 2014.

Giuseppe Camuncoli ospite al Napoli Comicon 2014

Giuseppe Camuncoli è considerato da molti uno dei più versatili talenti italiani in campo internazionale, esordisce con l’autoprodotto Bonerest nel 1997, fondando al tempo stesso con Matteo Casali lo studio Innocent Victim. Oltre alla serie che lo lancia, suoi lavori sono apparsi negli anni successivi sui due Quebrada (Innocent Victim) e sull’antologico FRONTIERA (Black Velvet). A fine 2000 sbarca sul mercato americano grazie alla Vertigo/DC Comics, per cui realizza nove numeri di SWAMP THING con Brian K. Vaughan. Le sue matite sono apparse in seguito su HELLBLAZER e VERTIGO POP: BANGKOK (Vertigo), BATGIRL SECRET FILES, ROBIN, Batman, 52, Jonah Hex (DC), The Intimates, Capitan Atom: Armageddon (WildStorm), Spider-man’s tangled web, MS. MARVEL SPECIAL, IMMORTAL IRON FIST, X-INFERNUS (Marvel Comics) e altre ancora. Ha realizzato inoltre svariate copertine sia in America che in Italia, tra le quali si segnalano quelle dell’edizione italiana del manga de L’UOMO TIGRE (saldaPress). I suoi ultimi lavori sono stati il romanzo grafico IL VANGELO DEL COYOTE, scritto da Gianluca Morozzi e disegnato con M. Petrucci (Guanda Graphic), il quinto volume de GLI SCORPIONI DEL DESERTO: QUATTRO SASSI NEL FUOCO (Lizard), scritto da Matteo Casali, seguito della celeberrima saga di Hugo Pratt, e LA NEVE SE NE FREGA, adattamento a fumetti dell’omonimo romanzo di Luciano Ligabue (Panini), sempre in tandem con Casali. Attualmente è al lavoro sulla miniserie dipinta BATMAN: EUROPA (DC Comics), su un episodio del terzo DYLAN DOG COLOR FEST, su testi di Tito Faraci (Sergio Bonelli Editore), e su un ciclo di storie di prossima pubblicazione di WOLVERINE, su testi di Daniel Way e Marjorie Liu (Marvel Comics). E’ inoltre fondatore e direttore artistico (dal 2008) della sede reggiana della Scuola Internazionale di Comics.

Daw - Davide Berardi ospite al Napoli Comicon 2014

Daw ospite al Napoli Comicon 2014
Davide Berardi, in arte Daw, comincia a disegnare fumetti comici fin dai tempi della scuola, senza però prendere in considerazione la sua carriera di fumettista. Su consiglio di un caro amico, apre un blog in cui pubblica le sue vignette, e comincia a riscuotere un buon successo. Daw viene quindi contattato dalla ProGlo Edizioni per pubblicare una sua collana di volumi: nasce così il fumetto A come Ignoranza. L’autore non abbandona il suo blog e continua a pubblicare vignette creando nuove serie e personaggi ricorrenti. Le numerose vignette Lov che hanno come tema l’amore vengono acquistate dal quotidiano sportivo italiano La Gazzetta dello Sport, e in seguito pubblicate sull’agenda Gazzenda 2007-2008, edita da RCS MediaGroup. Le stesse vignette hanno poi fatto la loro comparsa nel programma televisivo Loveline, ai tempi trasmesso da MTV Italia. Daw ha più volte partecipato a diverse manifestazioni riguardanti fumetti e videogiochi, come il Lucca Comics & Games, il Comicon di Napoli e l’Etna Comics. Durante la sesta edizione del Fullcomics & Games ha ricevuto il premio Miglior Storia Umoristica.

Massimo Giacon ospite al Napoli Comicon 2014

Dal 1980 lavora a Milano sospeso tra le sue attività di fumettista, illustratore, designer, artista e musicista. Protagonista sin dai primi anni ’80 del rinnovamento del fumetto italiano scaturito da riviste come Frigidaire, Alter Ater, Linus, Dolce Vita, Cyborg e Nova Express. Ha aggiunto alla sua attività diverse collaborazioni come designer con studi e marchi prestigiosi (Sottsass, Mendini, Alessi, Artemide, Swatch, Memphis, Olivetti). Nel 1990 inizia un‘attività artistica che lo porta a numerose personali in Italia e all’estero. Ha fondato un paio di gruppi musicali negli anni ’80 (Spirocheta Pergoli, I Nipoti del Faraone), prodotto due dischi da solista e attualmente sta continuando con un nuovo progetto musicale (Massimo Giacon & The Blass). Ha disegnato letteralmente di tutto : arazzi, tappeti, siti web, oggetti per la cucina, magliette, vestiti, oggetti per il bagno e per l’ufficio, lampadari, orologi, giocattoli, ceramiche.
Presenta a Napoli COMICON 2014, l’opera Il Mondo Così Come della casa editrice Rizzoli.

Mathieu Sapin ospite al Napoli Comicon 2014

Nato nel 1974, Mathieu Sapin, con più di quaranta libri all’attivo, è uno degli autori della sua generazione più prolifico. Mischiando sapientemente generi e stile di disegno, moltiplica le avventure editoriali, passando da storie per lettori adulti a libri per l’infanzia. In Francia collabora con Dargaud, Les Requins Marteaux, Fluide Glacial, Gallimard e Libération, mentre in Italia è stato pubblicato nell’opera collettiva Napoli, Sguardi d’Autore (Tunué, 2010) e nel Manuale per vincere le elezioni (Bao Publishing, 2013) reportage della campagna elettorale di François Hollande in cui era il solo giornalista “embedded” autorizzato a seguire il futuro presidente francese.
Nel 2014 ha fatto anche lui il passo verso il cinema realizzando un cortometraggio con Vincent Lacoste e Charlotte Le Bon, Rita Cerveau (Cervello) in cui sono presenti come attori anche i disegnatori Riad Sattouf e Christoph Blain e di cui che verrà presentato in anteprima qualche spezzone a Napoli COMICON.

Tony Sandoval ospite al Napoli Comicon 2014

Tony Sandoval nasce nel nord ovest del Messico, a Esperanza, nel 1973. Ha lavorato per qualche anno in agenzie di grafica e design e nel giornale locale, poi ha deciso di orientarsi nel mondo dell’illustrazione e del fumetto. Dopo alcune autoproduzioni e piccoli lavori a Città del Messico, ha realizzato numerosi progetti in Francia.
In Italia ha pubblicato a partire dal 2011: Il cadavere e il sofà,  Nocturno (L’integrale), Doomboy e per Tipitondi, la collana Tunuè dedicata al pubblico junior e young-adult , Oltre il muro.

Dave McKean ospite al Napoli Comicon 2014

Nato a Maidenhead, il 29 dicembre 1963, è un fumettista, illustratore, regista e fotografo britannico, attività a cui alterna anche quella di musicista. I suoi lavori sono caratterizzati dalla commistione di varie tecniche qualidisegno tradizionale, fotografia, collage, scultura e grafica computerizzata. È famoso per la sua lunga collaborazione, che continua tuttora, con lo scrittore Neil Gaiman. La sua carriera ha inizio con un fallimento: nel 1986 si reca a New York per un colloquio di lavoro come disegnatore di fumetti che non ha esito positivo; tuttavia in quell’occasione incontra Neil Gaiman. L’autore inglese lo coinvolge nella lavorazione di una breve graphic novel, Violent Cases pubblicata nel 1987. Il 1988 vede proseguire il sodalizio tra Neil Gaiman e Dave McKean con uno dei loro capolavori: Black Orchid. Sempre nel 1988 Dave McKean produce le copertine per la serie Hellblazer, della DC Comics.
Nel 1989 inizia un’altra collaborazione con Neil Gaiman: gli viene affidato il progetto grafico delle edizioni americane della serie regolare, delle raccolte e delle graphic novel di Sandman, per la linea Vertigo della DC Comics. Sempre per la DC Comics, nello stesso anno, realizza le tavole per Arkham Asylum, una storia di Batman sui testi di Grant Morrison. Spesso lo stile adottato in questo periodo viene paragonato a quello di Bill Sienkiewicz.
Tra il 1990 e il 1996 Dave McKean scrive e disegna il suo capolavoro: Cages. È una graphic novel in dieci numeri, che parla di artisti, ispirazione e creatività, disegnata con uno stile molto scarno che ricorda le opere di José Muñoze Lorenzo Mattotti. In Italia Cages è stato pubblicato da Macchia Nera nel 1999.
Altre collaborazione con Neil Gaiman hanno prodotto le graphic novel Signal to Noise nel 1992 (precedentemente apparso a puntate nella rivista The Face): la storia di un regista moribondo e del suo ipotetico ultimo film e Mr Punch(1994).
Recentemente la collaborazione con Neil Gaiman ha dato luce a due libri illustrati, per bambini: The day I swapped my dad for two goldfish (1997 - In Italia: Il giorno che scambiai mio padre per 2 pesci rossi ed. Macchia nera, 2000) eThe Wolves in the Walls (2003 - In Italia: I lupi nei muri ed. Arnoldo Mondadori Editore, 2003). Ha inoltre illustrato, sempre per Neil Gaiman, il libro Coraline (2002 - In Italia: Coraline - ed. Arnoldo Mondadori Editore, 2003).
Durante la sua carriera, Dave McKean ha realizzato anche numerose copertine di CD per artisti internazionali, come Tori Amos, Alice Cooper, Counting Crows, Michael Nyman, Toad the Wet Sprocket; copertine di libri per Jonathan Carroll, Iain Sinclair e altri, illustrazioni per The New Yorker, e contribuito alla realizzazione di pubblicità e piccole clip promozionali.
Ha inoltre pubblicato due libri di fotografie, A Small Book of Black and White Lies (1995 - In Italia: Un libretto di bugie bianche e nere ed. Macchia nera, 2000) e Option: click (1998 - In Italia: Opzione: click ed. Macchia nera, 2000).
Nel 2005 ha realizzato il suo primo lungometraggio, MirrorMask. La sceneggiatura scritta in collaborazione con l’amico Neil Gaiman prende vita sullo schermo con l’ausilio di tecniche miste, un incrocio tra ripresa dal vivo, animazione digitale e stop-motion.
A tutte queste capacità figurative, Dave Mckean unisce anche la sensibilità musicale, che manifesta come pianista jazz.

Simone Bianchi ospite al Napoli Comicon 2014

Simone Bianchi (Lucca, 10 luglio 1972) è un illustratore italiano. È inoltre pittore, designer ed insegnante d’arte, conosciuto in Italia soprattutto per i suoi lavori nell’ambito dei fumetti, delle copertine dei Cd, dei video musicali e nei giochi di ruolo e, dai lettori americani di fumetti per i suoi lavori suDetective Comics, Green Lantern e Wolverine.
Simone Bianchi nasce a Lucca, Toscana, dove vive e lavora ancora oggi. È cresciuto con l’amore per i supereroi e prese a seguire e a copiare disegni dell’Uomo Ragno, Daredevil, Fantastici Quattro, Batman e Superman prima ancora di imparare a leggere e a scrivere.
All’età di 15 anni pubblica strisce umoristiche sul quotidiano Il Tirreno e continua nella produzione di vignette e fumetti su varie altre pubblicazioni nazionali e regionali. Nel 1994, Bianchi incontra l’artista di fumetti Claudio Castellini che diventa il suo insegnante e mentore. In seguito, Bianchi illustra la prima edizione di Nembo e Rivan Ryan e venti tavole di Brendon per la Sergio Bonelli Editore.
Nel 1998 i suoi lavori vengono esibiti al Lucca Comics & Games accanto a noti artisti americani come Will Eisner, Andy Kubert e Adam Kubert.
Nello stesso periodo, la Metal Blade Records commissiona a Bianchi la copertina del cd Timeless Crima della band italiana Labyrinth. Quello stesso anno viene assunto come assistente di Ivo Milazzo nell’insegnamento delle tecniche artistiche dei fumetti all’Accademia delle Belle Arti di Carrara
Nel 1999 Bianchi disegna la copertina dei Fantastici Quattro e un albo a fumetti unico (cioè non parte di una serie o miniserie) di Conan il Barbaro, entrambe pubblicata dalla Marvel Italia.
In quell’anno Bianchi torna alla musica illustrando la copertina dell’album di debutto della band Vision Divine, che è stata poi considerata dai fan dell’hard rock e del metal la seconda miglior illustrazione al mondo. Il lavoro di Bianchi in campo musicale comprende anche Sigma dell’Athreia Records e l’album dei Labyrinth Sons of Thunder sempre per la Metal Blade Records.
Sempre nel 1999 Bianchi diventa un insegnante a tempo pieno in anatomia per fumetti nella scuola internazionale del fumetto di Firenze. Nel 2000, la Scuola, assieme alla Calvin Edizioni, pubblica Echi, il primo art book di Bianchi, che mette in evidenza i vari lavori dei tre anni precedenti.
Un anno dopo inizia a lavorare per Direct to Brain, uno degli studi leader per la produzione di video 3D in _europa, disegnando personaggi, storyboard, scene e supervisionando la creazione di modelli 3-D. Fra i suoi clienti figurano il gruppo 99 Posse e la loro “Stop the Train” per la BGM Records, “Kitchen tools” per la Virgin Records e “Per me per sempre” per la BGM. Nel Novembre e nel Dicembre dello stesso anno, Bianchi lavora per il Gioco di ruolo della Fantasy Flight Games,Dragonstar. Disegna inoltre un poster per la Scuola Internazionale del Fumetto di Firenze, illustra il secondo album dei Vision Divine Send me an Angel e conduce il suo secondo corso di illustrazione all’Accademia delle Belle Arti di Carrara.
Nell’estate del 2002, Bianchi pubblica il suo secondo art book, L’arte di Simone Bianchi. Disegna inoltre cinque illustrazioni per Eldec e lavora di nuovo per Direct to Brain. Il dicembre successivo, inizia a lavorare sul primo volume di Ego Sum, per Vittorio Pavesio. Le 44 pagine, da scrivere e illustrare, gli richiedono tutto il 2003. Il primo volume di Ego Sum viene pubblicato il 16 gennaio del 2004 in Italia, Francia, Canada e Lussemburgo.
Nel 2004 Bianchi assiste all’annuale Festival international de la bande dessinée D’Angoulême, festival internazionale del fumetto, a Angoulême in Francia, dove incontra Sal Abbinanti, l’agente personale del disegnatore di fumetti americano Alex Ross che fa diventare Bianchi uno dei clienti di Abbinanti. Per la fine dell’anno, Bianchi disegna la copertina di un’uscita di Atomika.
Nell’ottobre del 2005 il terzo art book di Bianchi, Onirika, viene pubblicato dalla Vittorio Pavesio Productions e presentato al pubblico alla convention di Lucca per la quale disegna il poster ufficiale assieme alla sorella Gloria.

Gabriele Dell’Otto ospite al Napoli Comicon 2014

Prima di iniziare a lavorare per la Divisione Europea della Marvel e, successivamente e attualmente anche per quella Americana Dell’Otto, per circa tre anni, presta la sua opera come illustratore presso uno studio di “Illustrazione Scientifica” di Roma, dove vede realizzati alcuni suoi primi lavori, prodotti da Case Editrici Italiane. Durante questa esperienza, per un periodo di più di due anni, si dedica anche all’esercizio e alla sperimentazione personale, sviluppando parallelamente e autodidatticamente al lavoro che svolgeva nello Studio, illustrazioni inerenti ai personaggi di comics, fino ad arrivare nel 1998 alla Marvel.
Il  primo vero incarico ufficiale, arriva con una cover di Conan, per la Marvel Francia.
Da quel momento l’autore la sua opera, lavorando su Covers, Posters, Litografie ecc…per Italia, Francia e Germania, dove ha anche collaborazioni con la DC Comics e altre case editrici ( IPP, Egmont Eapa, MG Publishing ).
In soli cinque anni Gabriele, realizzò moltissimo materiale, soprattutto grazie all’ aiuto di coloro che scoprirono il suo talento… Tony Verdini (Marvel Germania),  Sebastien Dallain e Pier-Jean Rebotton (Marvel Francia).
Continuando entra finalmente in contatto con David Mack (Marvel USA), dando così una sostanziale svolta alla carriera con l’affidamento di una serie di cover USA tra cui I Fantastici 4.
Dal 2002 lavorare anche per la Marvel Comics USA.
Inoltre Gabriele ha realizzato anche un proprio sito ufficiale all’indirizzo: www.dellotto.it

Juan Canales ospite al Napoli Comicon 2014

Juan Díaz Canales nasce a Madrid nel 1972. Sin da giovanissimo, inizia ad interessarsi al fumetto, interesse si espanse al cinema d’animazione, tanto da farlo entrare a diciotto anni, in una scuola di animazione. Nel 1996 fonda, insieme ad altri tre artisti, una compagnia chiamata Tridente Animation. Attraverso questa compagnia, Canales ha lavorato con case di produzione europee ed americane, fornendo storie e sceneggiature per fumetti e film d’animazione, oltre che dirigendo serie televisive d’animazione e film animati.
Durante questo periodo incontra Juanjo Guarnido, con il quale Canales decide di creare dei fumetti basati su un investigatore privato, Blacksad. Dopo aver contattato diverse case editrici, Guarnido e Canales finalmente ottengono un contratto con l’editore francese Dargaud, e nel novembre 2000, Quelque part entre les ombres (Da qualche parte all’interno delle ombre) viene pubblicato. È un grande successo sia di critica che di pubblico, e viene premiato con il Prix de la Découverte in occasione del Sierre International Comics Festival e con l’”Avenir” al Festival di Lys-lez-Lannoy, rispettivamente in Svizzera e Francia. A marzo 2003 viene pubblicato il secondo albo della serie Arctic-Nation. Ancora una volta è un grande successo, che gli fa vincere il premio del pubblico ed il premio per i disegni in occasione del prestigioso festival Festival international de la bande dessinée d’Angoulême del 2004. Il terzo capitolo della saga di Blacksad, Âme Rouge (Anima rossa), viene pubblicato nel 2005 e nel 2006 viene premiato come migliore serie ad Angoulême.

Laura Scarpa ospite al Napoli Comicon 2014

Laura Scarpa nasce a Venezia nel 1957, si trasferisce a 20 anni a Milano e ora vive e lavora a Roma.
Nasce come autrice di fumetti, ma alterna questa sua attività, che comprende la scrittura e il disegno, con l’illustrazione per ragazzi, l’editing.
Editor: ha curato i giornali per bambini Corriere dei Piccoli, Winx club e Pixie mag.
Dirige i magazine: Scuola di Fumetto, ANIMAls.
Dirige l’Associazione Culturale onlus ComicOut, che si occupa della diffusione e studio del fumetto.
Autrice: ha pubblicato su Linus, Alter, Orient Express, Il Corriere dei Piccoli, Snoopy, Ragazza I, Lupo Alberto Magazine, Blue e Touch. Ha scritto e disegnato Storie per ragazzi e per adulti, i suoi personaggi e serie più importanti sono: I Lince, Sara dai capelli blu, La Storia di Chiara e la storia di Bruno, Verde Laguna e Rosso Tiziano (per ragazzi sul Corriere dei Piccoli e su Snoopy) e Martina (su Ragazza In, poi su Lupo Alberto Magazine e infine in libro).
Comics Book: Moll Flanders, Venturina Veneziana, Amori lontani (Kappa Edizioni), Cuori di carne (Coniglio Editore), Come la vita, su testi di Carlos Trillo (Mare Nero).
Book: Praticamente Fumetti, L’arte delle sceneggiatura e Disegnare Dylan Dog (Coniglio Editore). Nel 2012 esce il volume scritto e disegnato Merende e merendine (Struwwelpeter).
Lo scorso anno pubblica il libro illustrato Caffè a Colazione (dal tlog omonimo), sempre per Coniglio Editore.

Igort ospite al Napoli Comicon 2014

Igor Tuveri (Igort) è nato a Cagliari nel 1958. Ha esordito su Linus nel 1981, e poi l’anno dopo con Mattotti, Brolli, Carpinteri, Jori e Kramsky fonda il collettivo Valvoline, che sovverte le regole del fumetto d’avventura tradizionale. Negli ultimi anni si è dedicato in prevalenza al reportage disegnato, viaggiando a lungo nei Paesi dell’ex Unione sovietica e realizzando una trilogia che comprende i Quaderni ucraini, i Quaderni russi e Pagine nomadi. Tra i suoi libri, pubblicati in una ventina di Paesi e vincitori di numerosi premi in Italia e all’estero: Goodbye Baobab (con Daniele Brolli), Sinatra, 5 è il numero perfetto, Fats Waller (su testi di Carlos Sampayo), Alligatore: dimmi che non vuoi morire (con Massimo Carlotto), La ballata di Hambone (con i disegni di Leila Marzocchi), Parola di Chandler (tradotto da Sandro Veronesi, su testi di Raymond Chandler).
Igort è stato invitato ad esporre alla Biennale di Venezia del 1994; collabora con Il Corriere della Sera e con numerose riviste nazionali e internazionali. Dal 2000 fonda con altri e dirige la casa editrice Coconino Press.
Sito ufficiale: www.igort.com. Blog: http://igort.blogspot.com/ 

Massimiliano Frezzato ospite al Napoli Comicon 2014

Tra il 1982 e il 1986 frequentò il I Liceo Artistico di Torino e, durante gli studi, si classificò secondo al concorso nazionale di fumetto a Prato. Bisogna aspettare il 1989 perché vinca il primo premio. I suoi primi lavori vennero pubblicati su varie riviste a partire dal 1985. Nel 1990 realizza Margot scritto da Jerome Charyn. Tra il 1994 e il 1997 tiene un corso di fumetto e d’illustrazione editoriale presso l’Istituto Europeo di Design a Torino. Nel 1996 pubblica il primo volume della saga I custodi del Maser, che lo terrà impegnato sino all’aprile 2005. Dal 2007 si affida alla matita di Fabio Ruotolo per il prosequio della saga, questa scelta ha così permesso, all’autore e ideatore originario, di dedicarsi alla scrittura e alla supervisione dell’opera. La saga viene pubblicata in diversi paesi tra i quali: Francia, Italia, Spagna, Portogallo, Germania, Belgio, Danimarca e Stati Uniti d’America. Tra il 1998 e il 1999 insegna all’Accademia d’Arte Pictor di Torino.

Gipi ospite al Napoli Comicon 2014

gipi ospite al Napoli Comicon 2014
Gipi (Gianni Pacinotti) nasce a Pisa nel 1963. Nel 1994 inizia a pubblicare vignette e racconti brevi sulla rivista satirica “Cuore”. Le prime storie a fumetti escono sul mensile “Blue” e poi su altre testate e giornali italiani. Per la casa editrice Coconino Press ha realizzato diversi libri: da Esterno Notteagli Appunti per una storia di guerra, premiato come Miglior fumetto dell’anno al Festival internazionale di Angoulême nel 2006. Tra le altre sue opere Questa è la stanza, la serie Baci dalla provincia, S., La mia vita disegnata male, l’antologia Diario di fiume e Verticali. Gipi è anche illustratore per il quotidiano “La Repubblica” e collabora col settimanale “Internazionale”. L’ultimo terrestre, prodotto da Fandango, è il suo film d’esordio.
Blog dell’autore: http://giannigipi.blogspot.com/

Tuono Pettinato ospite al Napoli Comicon 2014

Tuono Pettinato (Andrea Paggiaro, 1976) è tra i più quotati giovani autori italiani di fumetto. Firma la serie I Ricattacchiotti, pubblicata da Repubblica XL. Collabora con ANIMALS e fa parte collettivo creativo dei SuperAmici, con il quale ha creato la rivista a fumetti Hobby Comics e Pic Nic, primo free press italiano dedicato al mondo del fumetto. Il suo primo libro si intitola Apocalypso! – Gli anni dozzinali. Presenta il fumetto Nevermind.

Luis Royo ospite al Napoli Comicon 2014

Nasce nel 1954 ad Olalla, nella provincia di Teruel. Studia delineazione tecnica, pittura, decorazione e design d’interni nella Scuola di Maestria Industriale e la Scuola di Arti Applicate a Saragozza. Nel frattempo lavora anche in diversi studi di disegno di interni e decorazione tra il 1970 e il 1971. In questo periodo oltre all’attività lavorativa coltiva anche la sua passione per la pittura. Influenzato dal Maggio francese e dai moti del ’68, realizza opere di grande formato a sfondo sociale che presenta in esposizioni collettive tra il 1972 e il 1976. A partire dal 1978, con l’avvento dei fumetti per adulti, decide di avvicinarsi a questo mondo preferendo ad altri, artisti come Enki Bilal e Moebius. Successivamente inizia a realizzare fumetti per alcune riviste amatoriali e nel1980, ha modo di esporre le sue opere nel Salone del Fumetto di Angoulème. Negli anni 1981-1982, lasciato definitivamente il suo lavoro a seguito della nascita del figlio, pubblica i suoi lavori su riviste quali Comix International, Rambla e occasionalmente El Vibora e Heavy Metal. Nel 1983, al Salone del Fumetto di Saragozza, incontra Rafael Martínez e, su richiesta di quest’ultimo, realizza cinque illustrazioni per Norma Editorial. Inizia così la sua carriera di illustratore presso la casa editrice spagnola. Lavora anche negli USA, in Inghilterra e in Svezia ricevendo l’incarico di disegnare le copertine di diversi libri, videocassette e videogiochi per case editrici internazionali come Warner Books, Tor Books, Berkley Books, Avon, Batman Book e National Lampoon, ed europee come Cimoc, Fumetto Art, Ere Comprimée. Nel 1986, la spagnola Ikusager Ediciones pubblica Sfasamento, un albo a fumetti sperimentale.
Nel 1992 viene pubblicato in Spagna il libro Women, una selezione delle sue illustrazioni realizzate nei precedenti otto anni. La stessa raccolta viene pubblicata da Soleil Productions lo pubblica in Francia ed Edition Comic Forum in Germania. Nel 1993, Fumetto Images lancia sul mercato una collezione di trading cards con le sue illustrazioni, chiamata From Fantasy To Reality. Nel 1994, viene pubblicato un secondo libro di illustrazioni dal titolo Malefic che venne pubblicato da Soleil in Francia, Hazard in Italia e Konemann in altri paesi. Nel contempo Women esce con una nuova edizione.
Il successo di Royo continua ed editori come Ballantine, Comix, Zebra, Nal, Daw, Doubleday, Harper Paperbacks, Fasa Corporation, Penthouse ed ancora Pocket Books (per Star Trek) e la Marvel (per gli X-Men) gli commissionano le copertine dei loro libri e pubblicazioni.
A partire dal 1995 esce anche sul mercato la sua terza edizione di trading cards, The Best Of Royo. Nel 1996 esegue la copertina di Penthouse in Germania e Stati Uniti. La consacrazione di questo grande artista arriva con il premio Silver Award SPECTRUM III, riconoscimento dato ai migliori artisti fantasy.

Giorgio Carpinteri ospite al Napoli Comicon 2014

Nato nel 1958 a Bologna, Giorgio Carpinteri dal 1978 è autore di fumetti (disegno e sceneggiatura) pubblicati in Italia e all’estero. Dopo l’esordio sulla rivista “Il Mago”, ha collaborato al volume Indagini nell’altroquando, alla rivista “Pinguino” e a “Nemo” prima di approdare al gruppo Valvoline e a “Frigidaire” e “Alter Linus” con una serie di racconti brevi poi riuniti in Flirt, volume pubblicato nel 1984 dalla Primo Carnera, e con il romanzo a fumetti Polsi sottili. Dal 1986 ha collaborato a molti programmi televisivi in qualità di art director (videografica, scenografie) e autore per Rai1, Rai2, Rai3, Tmc. Inoltre è autore di spot televisivi per brand come Vespa, Piaggio, Batida, Toschi e campagne di affissione per Batida, Fendi uomo, Swatch. Oggi è direttore artistico e autore dei programmi televisivi di TheBlogTv.

Ugo Bertotti ospite al Napoli Comicon 2014

Ugo Bertotti nasce a Trento nel 1954. Gioca a pallone, poi si diploma all’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano. Impara i rudimenti dell’illustrazione e dell’animazione presso stimati professionisti. A partire dagli anni ’70 collabora con varie riviste e pubblica numerosi racconti a fumetti su Linus e sul prestigioso magazine d’autore Alter Alter. I suoi lavori vengono tradotti e pubblicati anche in Francia. Poi si trasferisce in Romagna. Da ormai vent’anni lavora nell’ambito della grafica, dell’illustrazione e dell’animazione. Nel 2012 ha pubblicato il reportage a fumetti Femmes du Yémen sulla rivista francese XXI.

Mirka Andolfo ospite al Napoli Comicon 2014

Mirka Andolfo, napoletana classe 1989, illustratrice e colorista, collabora con diversi editori in Italia, Francia e Stati Uniti. Tra questi: Edizioni Piemme, BAO Publishing, Editoriale Aurea, ReNoir Comics, Panini Comics, Glénat/Drugstore, Aspen, Dynamite, Zenescope, Image Comics e BOOM! Studios. Dal 2011 colora albi a fumetti di Geronimo Stilton, e collabora stabilmente con la Walt Disney, colorando soprattutto storie e copertine di Topolino.
Dal 2012 collabora come cover artist con l’editore americano Aspen, e sta sviluppando come disegnatrice la serie Damsels in Excess. Per Dynamite sta disegnando la serie Chaos. Collabora anche con la francese Soleil Prod.: di recente, ha esordito sulle pagine di Lanfeust Mag come autrice completa, con la sua serie Sacro/Profano (Angelina, in Francia). Co-fondatrice dello Studio Parlapà, si occupa saltuariamente di grafica editoriale. Nel 2013, insieme a quattro colleghi, ha fondato il collettivo di autori MAD5 Factory. Quando non lavora, ama il buon cibo, leggere fumetti e… condividere foto di gatti e lupi su Facebook.

Sualzo ospite al Napoli Comicon 2014

Sualzo (pseudonimo di Antonio Vincenti) è nato a Perugia nel 1969. Sassofonista mancato, disegnatore autodidatta, dall’inizio degli anni Novanta collabora con “Il Corriere della Sera” e “Il Corriere dell’Umbria”. Dal 1999 firma libri per le maggiori case editrici italiane (Mondadori, Giunti, Zanichelli, Piemme) e straniere (ha collaborato con la Francia, la Malesia, il Portogallo, la Croazia, il Giappone). Con L’Improvvisatore ha vinto il premio per la miglior sceneggiatura del Festi’BD di Moulins.

Vivès – Balak – Sanlaville ospiti al Napoli Comicon 2014

Bastien Vivès è nato a Parigi nel 1984. Appassionato di arte e di disegno fin da piccolo, ha studiato presso alcune delle scuole più prestigiose della Francia. Il suo esordio nel mondo del fumetto avviene nel 2007. In pochissimo tempo, Vivès ottiene numerosi apprezzamenti di pubblico e di critica. Tra i suoi lavori più importanti, Il gusto del cloro (che gli è valso il Premio rivelazione al Festival del fumetto di Angoulême nel 2009 e il Premio Micheluzzi come miglior fumetto straniero al Napoli Comicon nel 2010), Nei miei occhi e Polina. Nel 2013, insieme ai colleghi Balak e Michaël Sanlaville dà vita a Last Man, serie che si propone come un atto d’amore verso le arti marziali e i manga, edita da Bao Publishing. Da sempre molto attivo sul web, Vivès cura un blog in cui racconta storie di vita quotidiana in chiave ora ironica ora disincantata, che verranno raccolte da Bao Publishing in volumi tematici. Di prossima uscita, sempre per Bao Publishing, La grande odalisca, di cui Vivès è autore in collaborazione con Ruppert e Mulot.
Michaël Sanlaville è nato a Lione nel 1982. Appassionato di cinema d’animazione e di fumetti, si afferma in poco tempo come illustratore, storyboardista e autore completo. Amico e collaboratore di Bastien Vivès, nel 2008 lavora insieme a lui a Hollywood Jan, omaggio ai film d’azione degli anni Ottanta. Il 2012 è l’anno della pubblicazione di Le fléau Vert, storia che mescola fantasy e fantascienza, di cui è autore completo. Nel 2013, insieme a Vivès e Balak, è autore della fortunata serie Last Man.
Yves Bigerel, in arte Balak, è nato in Francia nel 1979. Dopo aver studiato disegno d’animazione a Parigi, realizza numerosi cortometraggi d’animazione. Tra questi, Le grand amour, che ottiene numerosi riconoscimenti. Esperto e teorico del fumetto digitale, Balak è uno dei principali storyboardisti francesi. Ben presto si impone anche nel mondo del fumetto, partecipando come disegnatore al progetto Lord of Burger (in Italia edito da Bao Publishing) e alla serie Last Man con i colleghi Vivès e Sanlaville. È inoltre collaboratore dei Marvel Studios.

Silver ospite al Napoli Comicon 2014

Silver (Guido Silvestri), nato a Modena nel 1952, è uno dei fumettisti italiani più famosi e apprezzati. Formatosi sotto l’ala protettiva di Bonvi (Franco Bonvicini), esordisce lavorando su personaggi di quest’ultimo, come Capitan Posapiano e soprattutto Cattivik, che eredita in toto intorno alla metà degli anni 70. In parallelo, nel 1974 comincia a pubblicare sulle pagine del Corriere dei Ragazzi quello che diventerà il suo più grande successo, Lupo Alberto. Da allora, oltre ad aver dato vita a innumerevoli storie di questi e altri personaggi, è stato condirettore di Eureka, vignettista ed editore.

Elena Casagrande ospite al Napoli Comicon 2014

Elena Casagrande (classe 1983): dopo aver frequentato il Liceo Scientifico decide di seguire definitivamente la sua principale passione, il disegno, iscrivendosi così alla Scuola Internazionale di Comics di Roma, dove frequenta un corso incentrato sul mondo del fumetto e tutto quello che ne ruota intorno. La dedizione e la perseveranza vengono premiate quando, diventando assistente di un insegnate, David Messina, comincia a lavorare nella casa editrice americana IDW Publishing. Da allora la collaborazione con la IDW è rimasta costante, tant’è che Elena è stata una dei disegnatori di una delle testate di punta, Angel – 6 season; con loro ha lavorato su serie come Star Trek (Klingons: Blood will tell, Orions, Q, Spock: Reflections), Ghost Whisperer (The haunted), Angel (Auld Lang Syne, Doyle, Smiletime, A hole in the world, Illyria: Haunted), Infestation, True Blood, Doctor Who e X-files.
Sempre in America ha pubblicato con la Marvel, lavorando con personaggi come Spiderman (Marvel Heartbreakers – A chemical romance, Ultimate Spiderman #157), Magik (cover New Mutant #4), Spitfire (Women in Marvel) e Hulk Rosso, mentre con la Image sulla serie di Hack/Slash, l’arco di storie finale.
Attualmente lavora per la Boom! Studios su un nuovo progetto, Suicide Risk, su sceneggiature di Mike Carey e sulla nuova serie a fumetti di Doctor Who sul decimo dottore, edito dalla Titan Comics.
In Italia ha avuto brevi collaborazioni con case editrici come Cronaca di Topolinia (Avalonia Special #3, Sol Mirror #2), Star Comics (La Stirpe di Elan, Jonathan Steel), Tunuè (Mono #2 e #6) e Renoir (Tales of Avalon).

Don Alemanno ospite al Napoli Comicon 2014

Don Alemanno nasce in terra nuragica nel lontano 1981. Per farlo piangere l’infermiera lo sculacciò, ma a distanza di anni l’unica cosa che ottenne fu una vignetta recapitata a casa, che la ritraeva in pose decisamente equivoche.
I banchi di scuola si dimostrarono terreno fertile per lo sviluppo artistico del giovane Don, che tra una Tartaruga Ninja e un Cavaliere dello Zodiaco, passava l’ora di ricreazione a disegnare, gratis, per i propri compagni. Un giorno uno gli chiese i 5 Samurai ed egli, rifiutatosi perché non intendeva sprecare tutta la ricreazione per elaborare 5 armature diverse, disegnò l’allora Presidente della Repubblica Francesco Cossiga, che imbracciava un piccone. Il compagno di classe rimase molto deluso ma, per puro caso, conservò il disegno. Quel disegno ora con tutta probabilità vale oro, non andateglielo a dire! Per il Don fu l’illuminazione: la satira era la sua missione e, prima o poi, in un futuro lontano, se ne sarebbe reso conto.
E infatti il radioso futuro che meritava si dimostrò essere talmente lontano che, nel corso degli anni, si dedicò ai più disparati lavori: piantò cocomeri in campagna, fece l’agente immobiliare, l’aiuto cuoco, l’infermiere, il sacerdote, il pornoattore, l’astrofischio, il parrucchiere gay e il parrucchiere etero.
Solo nel 2012 decise che i tempi erano maturi: era giunto il momento di dar vita alla sua prima vera Creatura: una fan page sul popolare social network Facebook, chiamata “Jenus di Nazareth” dove, con sferzante spirito satirico, iniziò a criticare e a sbeffeggiare le malefatte e le maledette del Clero e a rileggere le figure bibliche in chiave 2.0. Don Alemanno deriva il suo nome da un’antica leggenda babilonese, conosciuta in Mesopotamia per avere una terribile caratteristica: chiunque l’avesse raccontata, sarebbe morto per prolasso totale, dopo 19 giorni di atroci sofferenze. Ecco perché, in alternativa, vi diremo che si tratta della sintesi dei termini “Alessandro” + “Mannu”, Alessandro il Grande in sardo. Ma è solo un modo per sviare l’attenzione…

Pia Valentinis ospite al Napoli Comicon 2014

Pia Valentinis è nata a Udine e vive a Cagliari. Ha illustrato libri per bambini e ragazzi con le più prestigiose case editrici nazionali (Rizzoli, Mondadori, Einaudi, Orecchio Acerbo…) e internazionali. Ha vinto la ventunesima edizione del Premio Andersen, il maggior riconoscimento italiano dedicato ai libri per ragazzi, nella categoria Miglior illustratore. Con il volume Raccontare gli alberi, illustrato insieme a Mauro Evangelista, ha poi ottenuto nel 2012 il Premio Andersen per il miglior libro di divulgazione. Ferriera è il suo primo graphic novel.

Riccardo Federici ospite al Napoli Comicon 2014

Nato a Roma il 2 Settembre del 1976, fin da giovanissimo si appassiona e si dedica al disegno ed alla pittura, senza disdegnare le altre forme d’arte tra cui la musica, specializzandosi come batterista. Dopo il diploma Artistico frequenta la Facoltà di Architettura presso l’Università La Sapienza di Roma e, nel contempo, si dedica allo studio della Fisiologia, dell’Anatomia e della Scienza dell’Alimentazione. Tra i suoi primissimi lavori artistici troviamo alcune illustrazioni anatomiche per dei libri di Fitness, strisce umoristiche in alcune riviste di fitness, fumetti per bambini, illustrazioni pubblicitarie ed opere pittoriche. Nel 2005 conosce il noto disegnatore italiano Giancarlo Caracuzzo che lo spinge a dedicarsi più intensamente al mondo dei fumetti e, nel 2006, inizia la sua collaborazione con la casa editrice Robert Laffont.
“Non mi ispiro a nessun artista. Io amo restare me stesso. Allo stesso tempo però cerco di imparare da tutti anche da chi ne sa, magari solo apparentemente, meno di me. Mi piace il confronto e trovo che aiuti a crescere. L’ispirazione è mutevole ed è influenzata da fattori emotivi, dalle esperienze personali, dalla propria conoscenza del mondo”.

Francesca Zoni ospite al Napoli Comicon 2014

Francesca Zoni (Castel San Pietro Terme, 1989), iscritta all’Accademia di Belle Arti di Bologna al biennio specialistico in Linguaggi del fumetto, fino al 2013 ha fatto parte del collettivo La Trama. Ha pubblicato due storie nelle antologie Perdersi a… Esplorazioni urbane a fumetti (2012) e Siamo lieti di averla fra noi. I racconti di Stefano Benni a fumetti (2011), edite da Kappa Edizioni.

Raffaele Sorrentino ospite al Napoli Comicon 2014

Nasce a Salerno, dove studia Fotografia e Filmica al Liceo Artistico Sabatini-Menna. Dopo il diploma si trasferisce a Bologna, dove studia fumetto all’Accademia di Belle Arti. Vince il primo premio del concorso Noi e gli altri… sezione Yoda, organizzato da Flashfumetto. Collabora con il Ghoete Institut. Ha lavorato con diverse riviste indipendenti. Fa parte del collettivo Canemarcio.

Davide de Cubellis ospite al Napoli Comicon 2014

Romano, classe 1977, illustratore e storyboard artist dal 2000. Nel 2003 vince il Pierlambicchi di Prato e nel 2009 il Mediastars – Premio Tecnico della Pubblicità, per l’illustrazione. E’ docente allo IED, la Scuola Romana dei Fumetti e l’Accademia di Cinema Rosebud. Dal 2003 al 2013 ha lavorato in coppia con Paolo Morales a numerose storie di Martin Mystère (Sergio Bonelli Editore), fra cui un albo gigante e un almanacco. Ritorno a Berlino, sesto episodio della collana Le Storie (Sergio Bonelli Editore), è l’ultima collaborazione con l’amico e maestro scomparso prematuramente.
Dal 2010 al 2012 è stato copertinista di John Doe. Come storyboard artist e illustratore lavora per grandi brands: Bulgari, Gucci, Toyota, L’Oreal, Zegna, Champions, Whirlpool, CocaCola, McDonald’s, Volkswagen, Bayer. Collabora con la maggior parte delle case di produzione cinematografiche e pubblicitarie italiane, affiancando registi come Marco Risi, Paolo Virzì, Sergio Rubini, Matteo Garrone, Daniele Luchetti, Ricky Tognazzi e molti altri. Fra i registi di fama internazionale, Wes Anderson, Guy Richie, Mark Steven Johnson e Bill Fertik.
Attualmente è impegnato in una nuova storia di Martin Mystère e nello storyboard dell’ultimo film di Matteo Garrone, ispirato alla raccolta di fiabe di Basile Lo cunto del li cunti.

Siti web: http://www.decubellis.blogspot.it, http://www.italianstoryboard.blogspot.it, www.behance.net/decubellis


Graziano Romani ospite al Napoli Comicon 2014

Graziano Romani (Casalgrande, 1959) cantautore e scrittore emiliano, ha pubblicato 18 album, da solista e con le band Rocking Chairs e Magajam5. Per Panini ha realizzato My Name is Tex (211), My Name is Zagor (2012),  L’arte di Galep (2012) e L’arte di Ferri (2013). Negli ultimi anni ha scritto (in coppia con Moreno Burattini) tre monografie: Gallieno Ferri: Una vita con Zagor, Giovanni Ticci: un americano per Tex e Guido Nolitta: Sergio Bonelli sono io.

Zerocalcare ospite al Napoli Comicon 2014

Zerocalcare ospite al Napoli Comicon 2014
Zerocalcare ha 29 anni e per un sacco di tempo ha fatto soprattutto fumettacci sulle fanzine fotocopiate e locandine per concerti punk hardcore. Oltre a un numero sterminato di autoproduzioni nel circuito dei centri sociali, ha collaborato anche con il quotidiano Liberazione (pagina delle illustrazioni, ormai chiusa), il settimanale Carta (chiuso), i mensili XL di Repubblica (spazio italian underground, chiuso), Canemucco (chiuso) e la divisione online della DC Comics, Zuda.com (chiusa). Tra le collaborazioni che non è riuscito a far chiudere c’è l’annuale antologia del fumetto indipendente Sherwood Comix, la Smemoranda, le riviste Wired e Internazionale.
Dopo il travolgente successo de La profezia dell’armadillo colore 8-bit (alla sua nona ristampa), Un polpo alla gola (alla sua quinta ristampa), Ogni maledetto lunedì e Dodici, è al lavoro al suo quinto libro, in uscita in autunno per Bao Publishing.

Giuseppe Palumbo ospite al Napoli Comicon 2014

Matera, 24 Luglio 1964. Frequenta il liceo classico per poi laurearsi in Lettere Antiche (Archeologia). Nel 1984 pubblica Sul dorso di Atlante un albo che gli vale l’invito di Zio Feininger. Nel 1986 si presenta alla casa editrice Primo Carnera di Milano e pubblica su Tempi Supplementari le prime avventure del personaggio Ramarro. Collabora a Nuvola Bianca, Dolce Vita, Fuego e Mondo Mongo. Dal 1990 viene reclutato come docente alla Scuola del Fumetto di Milano, contemporaneamente lavora per alcune agenzie pubblicitarie. Inizia a lavorare su nuove storie di Ramarro su testi di Daniele Brolli che vedranno la pubblicazione su Cyborg. Nel 1994 incontra il fumetto popolare nel personaggio di Martin Mystère, con il breve (e anticonvenzionale) L’ora dei lupi (da lui interamente scritto, disegnato e colorato) che appare nel n. 115 della rivista Comic Art. A partire dal 1995 , inizia una costante collaborazione, come disegnatore, alle storie di Martin Mystere per cui disegna, in particolare, storie fuori serie (Storie di Altrove e Almanacco del Mistero).
Nel 2001 ricostruisce, con la sceneggiatura di Alfredo Castelli, il numero uno di Diabolik, che viene pubblicato dalla Astorina, nel 2002, nel volume cartonato: Il re del Terrore: il remake. Nel 2004 realizza una nuova storia di Diabolik su testi diSandrone Dazieri e Tito Faraci.
Nel 2005 è il copertinista di Desdy Metus, l’Insonne. Alterna il lavoro sul personaggio delle sorelle Angela e Luciana Giussani a collaborazioni con le case editrici BD Edizioni, Comma 22 e Rizzoli.
Vive a Bologna, dove ha il suo studio Inventario.

Alexandre Clérisse ospite al Napoli Comicon 2014

Nato in Francia nel 1980, Alexandre Clérisse è un artista poliedrico in grado di passare con disinvoltura dalle illustrazioni per ragazzi al fumetto. Dopo aver messo la propria arte al servizio di diversi collettivi di autori, fanzine, associazioni culturali e agenzie di comunicazione, a partire dal 2003 Clérisse si dedica completamente ai fumetti. Il suo esordio avviene su riviste e giornali francesi, per poi continuare, a partire dal 2006, con numerose pubblicazioni che gli valgono diversi riconoscimenti. Nel 2013 è disegnatore di Souvenir dell’impero dell’atomo, omaggio alla fantascienza degli anni Cinquanta, scritto da Thierry Smolderen e pubblicato in Italia da Bao Publishing.

Paolo Del Vaglio ospite al Napoli Comicon 2014

Nato a Napoli, umorista grafico, è noto soprattutto per i suoi “angioletti” che appaiono sulle più prestigiose pubblicazioni di ispirazione cattolica e, naturalmente, sul quotidiano Avvenire. Premio Consiglio d’Europa (1984), premio Thomas More per un umorista cristiano (1992), Dattero d’oro a Bordighera (1999). Nel suo umorismo c’è sempre un soffio di umanesimo che manifesta le sue origini di insegnante di lettere. Al suo attivo ha diversi libri incentrati per lo più sui personaggi evangelici che interpretano nell’ottica religiosa e nella dimensione del sorriso la realtà umana.

Fabrizio Petrossi ospite al Napoli Comicon 2014

Fabrizio Petrossi è un fumettista italiano, autore di fumetti e illustrazioni Disney. Ha illustrato storie per Topolino dal 1993 al 1997.
Verso la metà degli anni Novanta si è trasferito in Francia per lavorare per gli uffici della Walt Disney Consumer Product di Parigi come disegnatore dei personaggi Disney per il publishing e il merchandising. In quegli anni ha anche intrapreso una collaborazione con la casa editrice scandinava Egmont e con il francese Journal de Mickey per la realizzazione di storie a fumetti come disegnatore e sceneggiatore.
Nel 2003 ritorna a lavorare come freelance per i più importanti editori Disney internazionali, tra cui Disney Hachette, Egmont, Pearson, Disney Publishing.
Nel 2004 realizza per la statunitense Gemstone il graphic novel tratto dal film di animazione I tre moschettieri.
Tra le sue creazioni personali pubblica per la Francia su Pif Gadget una nuova serie chiamata Orbit di cui è autore dei testi e disegni.
Nel 2009 realizza le illustrazioni per una serie di libri per bambini chiamata Bush Tales, in Inghilterra. Nello stesso anni inizia una nuova collaborazione con Nickelodeon principalmente lavorando sul personaggio di Spongebob.
Collabora in questo periodo anche con Walt Disney Imagineering Paris per illustrazioni e modelli destinati al Parco di Disneyland Paris.


Il vostro affezionatissimo Giovanni Santucci

commenti

2 Risposte a "NAPOLI COMICON 2014, GLI AUTORI DI FUMETTI PRESENTI COME OSPITI - UPDATE 01/05/2014"
Bianca Stampone ha detto...
1 maggio 2014 23:14

sono veramente emozionata! E' un evento straordinario... I miei più sentiti apprezzamenti alla BAO e al suo preparatissimo STAFF...COMPLIMENTI A TUTTI VOI!!!


Redazione ComicSoon ha detto...
2 maggio 2014 09:14

Rigiriamo i complimenti, grazie a te.


Dicci cosa ne pensi

Il tuo commento è importante, grazie!

Cerca nel blog

FIERE OTTOBRE 2016

- 1/2 > Romics - Nuova Fiera di Roma, quartiere fieristico situato sulla Via Portuense. Ore 10 - 20. Info: www.fieraroma.it | www.romics.it


- 2 > La Via del Fumetto & Disco - Via Emilia, 15057 Tortona (AL). INGRESSO GRATUITO. Info: http://www.lafieradelfumetto.com/


- 8/9 > ALEComics - Cittadella di Alessandria, Caserma Montesanto (AL). INGRESSO GRATUITO. Info: www.alecomics.it


- 8/9 > San Donà Fumetto - Padiglione Fieristico "Area Ex Papa", Via Pralungo 9, 30027 San Donà di Piave (VE). Ore 10.00 - 19.00. Info: www.sandonafumetto.it


- 28/29/30/31 [Qui trovate Comic-Soon] > Lucca Comics & Games - Città di Lucca. Info: www.luccacomicsandgames.com



Scopri tutte le altre fiere in Italia

Pierz [per la tua pubblicità - Redazione Comic Soon]

Post più popolari

© Solone Srls 2014. Powered by Blogger.